UMBRIA: CASALE IN VENDITA IN UMBRIA, RUSTICO, VILLA DI LUSSO IN UMBRIA, IMMOBILI DI PRESTIGIO IN UMBRIA,VILLE, CASE DI LUSSO UMBRIA, PERUGIA

ISRAELI VERSION AMERICAN VERSION DEUTSCH VERSION RUSSKAJA VERSIJA ENGLISH VERSION VERSIONE ITALIANA
HOME PAGE >

IMMOBILI IN VENDITA > UMBRIA

     
   
Ricerca veloce immobili per:  
 

Stato

 

Immobile

   
             

Regione

 

Prezzo

 
           
Provincia  

N. Camere

 
           
Comune  

Lifestyle

 
LOCATION ITALIA LOCATION ESTERO LIFESTYLE TIPOLOGIA AREE KEYWORDS
    X CHIUDI
Apri Ricerca avanzata immobili

Umbria

Se non avete trovato l'immobile che stavate cercando, descrivetelo compilando il seguente FORM cliccare qui >>



CASALI IN VENDITA IN UMBRIA -VILLE DI LUSSO IN VENDITA IN UMBRIA, RUSTICO IN UMBRIA, VILLE DI LUSSO UMBRIA, CASTELLO IN UMBRIA, AZIENDE AGRICOLE E TENUTE VITIVINICOLE IN UMBRIA - Siete alla ricerca di un immobile di prestigio in Umbria? Siamo lieti di presentarvi la più completa selezione di Ville di lusso in vendita in Umbria, Casali in Umbria, immobili nella Valle del Niccone, rustici nelle vicinanze del Castello di Reschio, appartamenti in Valtiberina Umbra. Castelli, Borghi in Umbria, Aziende agricole vitivinicole Biologiche Umbre, Agriturismi in Umbria, Countryhouses in Umbria, Bed&Breakfast in Vendita in Umbria. Immobili di prestigio, casali, ville e castelli nei Comuni in Provincia di PERUGIA: Assisi, Bettona, Castel Rigone, Castiglion del Lago, Città della Pieve, Città di Castello, Collazzone,Corciano, Deruta,Foligno, Lisciano Niccone, Magione, Marsciano, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Panicale, Passignano Sul Trasimeno, Perugia, Piegaro, Pietralunga, San Giustino, Spello, Spoleto, Todi, Tuoro sul Trasimeno, Umbertide. TERNI: Amelia, Avigliano Umbro, Baschi, Montegabbione, Narni, Orvieto. Cuore verde d’Italia, la regione Umbria è famosa per le sue colline costellate da piccoli borghi e castelli arroccati. Situata sulla cima di una collina umbra, la città di Perugia domina il paesaggio. Simboli della città sono la Rocca Paolina e la Fontana Maggiore, situata al centro della Piazza Grande, tra la Cattedrale e il Palazzo dei Priori, lungo il Corso principale su ci si affacciano eleganti palazzi, caratterizzati da facciate ornate da bassorilievi e statue. UMBRIA: CASALE IN VENDITA IN UMBRIA, RUSTICO, VILLA DI LUSSO IN UMBRIA, IMMOBILI DI PRESTIGIO IN UMBRIA,VILLE, CASE DI LUSSO UMBRIA Ogni anno, in occasione del festival internazionale “Umbria Jazz” e della manifestazione “Eurochocolate”, Perugia diventa meta di migliaia di visitatori provenienti da ogni parte d’Italia e d’Europa. In questa cornice di storia e modernità Romolini Immobiliare offre la possibilità di acquistare non solo appartamenti in centro storico, ma palazzi antichi e ville di lusso anche nelle verdi attorno alla città. A pochi chilometri da Perugia si trova una delle città umbre più conosciute in Italia, Assisi. Città natale di San Francesco, questa città-santuario, è stata iscritta nel 2000 nella lista dei siti UNESCO. La Basilica di San Francesco, che si erge sulla valle, e la Chiesa di Santa Maria degli Angeli con la sua “Porziuncola” sono i due punti di riferimento di questa cittadina medievale. Non lontano dal confine con la Toscana si trovano il borgo di Citerna, da cui si gode una meravigliosa vista sulla Valtiberina, e Città di Castello, città natale di Alberto Burri. In una collina affacciata sulla Valdichiana e sul Lago Trasimeno, è situata invece Città della Pieve, che ha dato le origini al noto pittore il “Perugino”, maestro di Raffaello. UMBRIA: CASALE IN VENDITA IN UMBRIA, RUSTICO, VILLA DI LUSSO IN UMBRIA, IMMOBILI DI PRESTIGIO IN UMBRIA,VILLE, CASE DI LUSSO UMBRIA Romolini Immobiliare è lieta di presentarVi casali e ville di lusso immersi nei verdi paesaggi ritratti nei dipinti di noti pittori. Montone, Todi, Narni e Spello, sono solo alcuni dei borghi medievali che, con le loro possenti mura di cinta, si ergono sulle colline umbre, come molti castelli in vendita con Romolini Immobiliare. In occasione del Corpus Domini, a Spello, ha luogo l’Infiorata, interessante manifestazione durante la quale sono realizzati tappeti floreali, vere e proprie opere d’arte. Ogni anno Gubbio ospita invece la Festa dei Ceri in onore di Sant'Ubaldo, patrono della città. Tra le città e i borghi più belli dell’Umbria troviamo Spoleto. UMBRIA: CASALE IN VENDITA IN UMBRIA, RUSTICO, VILLA DI LUSSO IN UMBRIA, IMMOBILI DI PRESTIGIO IN UMBRIA,VILLE, CASE DI LUSSO UMBRIA Il Duomo di Spoleto con il suo alto campanile si trova in fondo ad una lunga scalinata in pietra che conduce alla piazza sottostante la Rocca Albornoziana, collegata al lago di Monteluco attraverso l’imponente Ponte delle Torri, acquedotto di epoca romana. In provincia di Terni si trova una città altrettanto interessante, Orvieto, dove è ancora possibile visitare necropoli etrusche e il Pozzo di San Patrizio. UMBRIA:  UNA PERLA NEL CUORE DELL’ITALIA
Si trova nel centro della penisola ed è l’unica regione italiana non bagnata dal mare e non ai confini politici del paese. Confina a est e a nord-est con le Marche, a ovest e nord-ovest con la Toscana, a sud e sud-ovest con il Lazio. Il territorio dell’Umbria è caratterizzato dalla presenza della catena montuosa degli Appennini, dal passaggio del Tevere (terzo fiume più lungo d’Italia), da verdi colline, borghi ricchi di storia e splendide vallate. Il paesaggio è quindi variegato e affascinante.  Tra i luoghi più belli sotto il profilo naturale figurano il lago Trasimeno, il lago di Piediluco, le Cascate delle Marmore, il Parco Nazionale Monti Sibillini e 6 parchi naturali regionali: il Parco del monte Cucco, il Parco del monte Subasio, il Parco del Lago Trasimeno, il Parco di Colfiorito,il Parco fluviale del Tevere e il Parco fluviale del Nera. Le province sono solo due (il capoluogo Perugia e Terni), ma nella regione non mancano città ricche sotto il profilo artistico e culturale. Il territorio è a prevalenza collinare e questo ha agevolato la coltivazione della vite e dell’olivo.
L’agricoltura occupa una minima parte della popolazione attiva, ma svolge comunque un ruolo importante nell’economia regionale. Le principali produzioni sono quelle di vino (come i pregiati Orvieto, Torgiano, Colli del Trasimeno, Montefalco), olio, frumento, barbabietole da zucchero, girasoli e tabacco. Molto importante è l’attività che riguarda il tartufo nero (in particolare a Norcia e Spoleto).
Il settore industriale è variegato anche se piuttosto localizzato: nella zona di Terni prevale il settore pesante (comparto siderurgico, metalmeccanico e chimico), nell’area di Foligno le industrie meccaniche, ferroviarie, aereonautiche e riservate alla produzione di macchine utensili e impianti di vario genere, nell’Alta Valle del Tevere l’industria tessile con lavorazione di pelli, abbigliamento e cuoio, nel perugino l’industria dolciaria, nella zona di Bastia la produzione di mangimi per la zootecnia e nelle località di Sangemini e Gualdo Tadino il comparto delle acque minerali. Importante in tutta la regione l’industria alimentare.
Di grande rilievo l’artigianato in riferimento alla ceramica (soprattutto a Deruta), al ferro battuto (in primis a Gubbio ed Orvieto), alla lavorazione del legno e del mobilio (principalmente nell’Alta Valle del Tevere) e all’abbigliamento. Settore trainante dell’economia è senza dubbio il turismo. L’Umbria è infatti apprezzata in tutto il mondo per i suoi splendidi paesaggi, per il patrimonio storico, artistico, culturale e religioso delle sue città e per la prelibatezza della sua cucina.
I siti riconosciuti dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità sono:
- Assisi con i suoi luoghi francescani (Basilica di San Francesco, Cattedrale di San Rufino, Basilica di Santa Chiara, Abbazia di San Pietro, Chiesa di Santa Maria della Minerva e Convento di Santa Chiara), la Basilica di Santa Maria degli Angeli e Palazzo del Capitano.
- La Chiesa di San Salvatore a Spoleto e il Tempietto di Clitunno a Campetello sul Clitunno, entrambi facenti parte del sito “Longobardi in Italia: I luoghi del potere”.
L’Umbria è regione ricca di monasteri. I più importanti sono quelli di San Pietro a Perugia, di Sassovivo nei pressi di Foligno, di Santa Maria di Valdiponte a Montelabate (vicino Perugia), di San Benedetto del Monte Subasio (vicino Assisi), di San Salvatore di Monte Corona e l'Abbazia di Petroia (presso Città di Castello). Da non dimenticare la Basilica ed il Monastero di Santa Rita da Cascia, la Madonna del Transito a Canoscio, la Basilica dedicata a San Valentino a Terni, il Santuario di Santa Maria delle Grazie a Città di Castello e i due Santuari dedicati alla Madonna di Fatima che si trovano a Città della Pieve.
L’Umbria è stata terra natale di San Francesco, di Santa Rita da Cascia, di San Valentino, di San Benedetto da Norcia, del pittore Bernardino di Betto detto Pinturicchio e del capitano di ventura Niccolò Piccinino.
Contattando Romolini Immobiliari si possono acquistare casali, ville di lusso, castelli, appartamenti di prestigio, agriturismi, ville signorili, antichi borghi, aziende agricole, olivicole e vitivinicole, palazzi, relais con piscina e parco, dimore storiche, piccoli borghi medievali e rurali, casali con piscina, torri antiche, molini, resort con piscina, ville vista lago, residenze con vigneto, country house, casolari, ville con parco, case di lusso con terrazza, hotel con piscina, canoniche, case coloniche, bed and breakfast, antiche abbazie in tutti i luoghi più belli dell’Umbria.

I MOMENTI SALIENTI DELLA STORIA DELL’UMBRIA: DALL’ANTICHITA’ ALL’UNITA’ D’ITALIA
La regione fu abitata fin dal primo Paleolitico e fu in seguito caratterizzata dalla presenza della popolazione umbra e da quella degli etruschi (soprattutto nella zona occidentale). Dopo la dopo la Battaglia di Sentino del 295 a.C. (da una parte Etruschi, Sanniti, Umbri e Galli, dall’altra i romani) cominciò in modo progressivo l’occupazione romana. L’Umbria divenne parte integrante dell’Impero e conobbe un periodo di importante crescita. Durante le invasioni barbariche la regione fu teatro di sanguinosi scontri che aprirono una fase di sostanziale instabilità. Il territorio fu occupato da ostrogoti, bizantini e longobardi. Questi ultimi scesero dal nord d’Italia e nel 575 fondarono il Ducato di Spoleto (che rimase formalmente indipendente fino al 1250). Da questo momento in avanti l’Umbria si trovò così divisa in due distinti blocchi: il Ducato Longobardo e il Corridoio Bizantino (creato per collegare Ravenna a Roma).
Nel 774 le truppe di Carlo Magno sconfissero quelle del re longobardo Desiderio e le terre umbre furono di conseguenza integrate nel Regno dei Franchi. Carlo Magno decise di donare i domini umbri alla chiesa, ma si tenne una sorta di “diritto di supremazia” che successivamente provocò scontri. Con il crollo dell’Impero lo Stato Pontificio allargò i propri confini. Alcune città chiesero ed ottennero maggiore autonomia e questo fu viatico per la nascita dei primi comuni liberi. Il periodo fu caratterizzato da scontri tra guelfi e ghibellini. Nel XIV secolo nacquero importanti signorie locali (i Monaldeschi ad Orvieto, i Vitelli a Città di Castello, gli Atti a Todi, i Gabrielli a Gubbio, gli Anastasi e i Trinci a Foligno, i Baglioni a Perugia e nella contea di Spello e di Bettona, i Corgna a Castiglione del Lago, i marchesi Patrizi a Montoro, i duchi Bonelli a Salci). Nel periodo successivo le città umbre persero autonomia e tornarono ad essere completamente assoggettate al potere dello Stato Pontificio. Con la rivoluzione francese del 1789 anche in Umbria sorsero moti di rivolta contro il potere ecclesiastico ed in due distinte circostanze la Chiesa vide spezzato il proprio dominio: tra il 1798 e il 1799 quando le truppe francesi invasero la regione annettendola alla Repubblica Romana e tra il 1809 ed il 1814 quando l’Umbria divenne dipartimento dell'Impero napoleonico (con capitale prima a Foligno e poi a Spoleto). Alla caduta di Napoleone e del suo Impero (1815) la Chiesa rientrò in possesso dei territori umbri e riuscì a soffocare i moti del 1848 e del 1859. Il 14 settembre 1860 le truppe piemontesi fecero ingresso a Perugia e questo decretò l’annessione della regione al nascente Regno d'Italia. Il plebiscito che suggellò il passaggio si tenne nel mese di novembre del 1860.

LE DUE CITTA’ PIU’ IMPORTANTI DELL’UMBRIA: PERUGIA E TERNI
L’Umbria è una delle regioni più piccole d’Italia (quintultima per estensione territoriale) ed è caratterizzata dalla presenza di due sole province: Perugia e Terni. Città affascinanti e ricche di luoghi da visitare nei quali Romolini immobiliare mette a disposizione una vasta gamma di ville di lusso, castelli, palazzi, appartamenti di prestigio, antichi borghi, dimore storiche, casali, torri antiche, molini, ville vista lago, bed and breakfast.
Perugia
E’ il capoluogo di regione, è una città ricca di bellezze ed è un vero e proprio gioiello incastonato nell’Italia centrale. Perugia custodisce tesori artistici e monumentali che testimoniano i vari passaggi della sua storia. La struttura religiosa più importante della città è la Cattedrale di San Lorenzo. E’ stata costruita tra la metà del 1300 e la fine del 1400 e conserva al suo interno diverse opere (ad esempio la Deposizione dalla Croce di Federico Barocci). Meritano una citazione anche la Chiesa di San Severo, la Chiesa di San Domenico, la Basilica e Monastero di San Pietro, il Tempio di Sant’Angelo e l’Oratorio di San Bernardino.
Simbolo di Perugia è la Fontana Maggiore. E’ stata costruita nel XIII secolo da Nicola e Giovanni Pisano, si trova al centro di Piazza IV Novembre ed è composta da due vasche di pietra rosa e bianca sormontate da una conca di bronzo da cui spuntano tre ninfe che sorreggono un'anfora. Tra i luoghi più affascinanti della città figura ovviamente Palazzo dei Priori, splendido palazzo dalle forme gotiche che domina l’area tra Piazza IV Novembre e Corso Vannucci. Al suo interno la sede del Comune, la Galleria Nazionale dell’Umbria, il Collegio della Mercanzia ed il Collegio del Cambio.
La via principale della città è Corso Vannucci. Tra i monumenti più importanti spiccano anche l’Arco Etrusco, Rocca Paolina (con i sotterranei), il Pozzo Etrusco (opera idraulica che misura 37 metri di profondità e 5 di diametro), la Torre del Cassero, la cinta muraria (etrusca e medievale), Giardino Carducci, Palazzo Gallenga-Stuart, Porta San Pietro, la Torre degli Sciri, il Vecchio Acquedotto, Via delle Volte della Pace. Oltre a questo i caratteristici vicoli del centro storico. Perugia ospita una delle più antiche e rinomate Università degli Studi (fondata addirittura nel 1308) e la più importante Università per studenti stranieri in Italia.
Terni
Terni è conosciuta per le sue acciaierie ed è città importante sotto il profilo industriale, ma è caratterizzata allo stesso tempo da paesaggi verdi e da un centro storico molto affascinante. Custodisce le spoglie di San Valentino all’interno dell’omonima Basilica ed è per questo considerata la città degli innamorati
Da visitare Palazzo Manassei (col museo archeologico), i resti dell'Anfiteatro Fausto, Palazzo Spada, Palazzo Mazzancolli, Palazzo Carrara, Palazzo Gazzoli, l'obelisco Lancia di luce del Pomodoro, il Duomo (Chiesa di Santa Maria Assunta), le Chiese di San Francesco, San Lorenzo e San Pietro, il Museo Archeologico e il parco della Passeggiata. Senza dimenticare ovviamente le splendide piazze, le vecchie porte di accesso alla città, la Torre di Castelli e la Torre di Barbarossa.

LE ALTRE LOCALITA’ PIU’ BELLE DELL’UMBRIA
L’Umbria è caratterizzata dalla presenza di numerosi borghi di piccole dimensioni, ma di assoluto fascino.  Nelle varie località della regione attraverso Romolini Immobiliari si possono acquistare casali, ville di lusso, castelli, canoniche, appartamenti di prestigio, agriturismi, ville signorili, antichi borghi, aziende agricole, olivicole e vitivinicole, palazzi, relais con piscina e parco, dimore storiche, piccoli borghi medievali e rurali, casali con piscina, torri, molini, country house, casolari, ville con parco, case di lusso con terrazza, hotel con piscina, case coloniche, bed and breakfast, antiche abbazie.
Assisi - Città famosa sotto il profilo religioso e meta frequentata dai fedeli di tutto il mondo. Paese natale di San Francesco e di Santa Chiara. Il simbolo di Assisi è sicuramente la Basilica di San Francesco (che conserva al suo interno capolavori senza tempo). Tra le strutture religioso doveroso citare anche la Basilica di Santa Chiara, la Basilica di San Rufino, la Chiesa di Santa Maria degli Angeli , la Chiesa di Santa Maria Maggiore. Da visitare anche Palazzo dei Priori, Palazzo del Capitano del Popolo, l’Anfiteatro Romano, la Torre del Popolo, l’Eremo delle Carceri, il Tempio di Minerva, la medievale Piazza del Comune, le Terme, la Rocca Maggiore e la Rocca Minore.
Gubbio - I luoghi più belli della città sono la Cattedrale dei Santi Mariano e Giacomo (duomo in stile gotico), Palazzo Ducale, Palazzo dei Consoli, Palazzo Pretorio, il Teatro romano, la Fontana dei Matti (così chiamata perché se si fanno tre giri intorno alla fontana si ha diritto alla “patente dei matti”), la Casa di Sant’Ubaldo, le Mura Urbiche, Parco Ranghiasci, la Basilica di Sant’Ubaldo, le antiche botteghe dei fabbri posizionate all’interno del centro storico.
Spoleto - I monumenti più importanti della città sono la Cattedrale di Santa Maria Assunta, la Basilica di San Salvatore, la Chiesa di San Ansano, il Ponte delle Torri, la Fontana del Mascherone, Palazzo Comunale ed il Teatro Romano. Simbolo di Spoleto è la Rocca Albornoziana
Foligno - Caratterizzata da architetture civili e religiose di assoluto spessore. Tra i luoghi più belli della città la Cattedrale di San Feliciano, l’Auditorium San Domenico, la Chiesa di San Domenico, il Palazzo Comunale, l’Oratorio della Nunziatella, la Chiesa Santa Maria di Betlem, la Chiesa di San Paolo e l’Abbazia di Sassovivo.
Orvieto – E’ arroccata su una rupe di tufo e possiede un ricco patrimonio artistico-culturale. Da visitare la Cattedrale di Santa Maria Assunta (duomo caratterizzato dalla splendida facciata, dall’altezza delle guglie, dal rosone centrale, dagli affreschi conservati nella Cappella di San Brizio), Palazzo Soliano, Palazzo Papale, la Necropoli del Crocifisso del Tufo, i resti dell’antica Rocca Albornoz e il Pozzo di San Patrizio.
Città di Castello - E’ il comune più importante dell’Alta Valle del Tevere e possiede un centro storico molto suggestivo (ricco di monumenti antichi, di importanti testimonianze culturali, artistiche e religiose). Luoghi più affascinanti  di Città di Castello sono il Santuario Mariano di Santa Maria delle Grazie, la Cattedrale dei Santi Florido e Amanzio con il Campanile Cilindrico, il Museo Capitolare, la Chiesa di San Francesco, Palazzo dei Priori, la Torre Civica, Palazzo del Podestà, Palazzo Vitelli alla Cannoniera, Palazzo Vitelli a Sant’Egidio, Palazzo Vescovile e la Pinacoteca Nazionale. Motivo di orgoglio per la città tifernate è la Collezione Burri, ospitata nell'elegante edificio rinascimentale di Palazzo Albizzini e composta da 257 opere.
Nei dintorni si trovano il Santuario della Madonna di Belvedere, il Santuario della Madonna di Canoscio, la Chiesa di Santa Maria e Sant’Egidio di Petroia, Castello Bufalini e Villa Montesca.
Todi – E’ considerata cuore verde dell’Umbria, possiede un centro storico affascinante ed è a tutti gli effetti un’altra splendida gemma della regione. I luoghi simbolo della città sono Piazza del Popolo, la Chiesa di San Fortunato (nella cui cripta riposa Jacopone da Todi), la Cattedrale di Santa Maria Assunta, il Tempio di Santa Maria della Consolazione, il Convento di Montesanto, Palazzo dei Priori, Palazzo del Popolo, i resti del muro di cinta umbro-etrusco che ancora oggi affiora in alcuni punti.
Città della Pieve – E’ un caratteristico borgo medievale il cui primo nucleo nacque nel VII secolo come postazione fortificata. Di grande impatto le mura trecentesche e il centro storico costituito da splendidi vicoli. Simbolo della città antica è la Cattedrale dei Santi Gervasio e Protrasio. Tra i luoghi più belli doveroso citare il Palazzo della Corgna, la Torre del Pubblico, il Convento e la Chiesa di San Francesco. Città della Pieve vanta il vicolo più stretta d’Italia, Via Baciadonne.
Norcia – Sorge sotto i Monti Sibillini, è uno dei paradisi gastronomici d’Italia, è la capitale dei prodotti della “norcineria” (intesa soprattutto come lavorazione della carne suina, ma anche come luogo nel quale questa attività viene portata avanti), dei tartufi neri pregiati, dei formaggi e delle lenticchie.

Numerosi i luoghi di piccole dimensioni che meritano di essere visitati per le rispettive bellezze: San Gemini, Narni, Amelia, Torgiano, Giano dell’Umbria, Avigliano Umbro (con la Chiesa romanica di Sant’Egidio), Spello (famosa località termale, impreziosita da splendidi vicoli decorati), Bevagna (con la rievocazione medievale del Mercato delle Gaite), Deruta (famoso per la maiolica), Montefalco (famoso per la produzione di olio e di vino), Bettona (con la sua cinta muraria medievale), Trevi (suggestivo borgo racchiuso tra le mura romane e medievali e circondato dal verde degli ulivi), Campello sul Clitunno (Patrimonio dell’Umanità Unesco grazie al Tempietto di Clitunno, piccola area sacra che si trova lungo il corso dell’omonimo fiume), Panicale, Tuoro sul Trasimeno, Arrone e il sito archeologico di Carsulae (situato in provincia di Terni e costruito nel III secolo a.C. durante il regno di Augusto).  
Tra i luoghi simbolo dell’Umbria doveroso inserire la Cascata delle Marmore, opera romana d'idraulica del III secolo. E’ caratterizzata da 3 salti d’acqua, da un dislivello di 165 metri ed è formata dal fiume Velino che defluisce dal lago di Piediluco prima di tuffarsi nella gola del Nera. E’ uno dei luoghi più belli d’Italia.

IL LAGO TRASIMENO
Il Lago Trasimeno è il quarto lago italiano per estensione (superficie di 128 km² circa) ed è caratterizzato da una scarsa profondità. Cartolina di straordinaria bellezza, meta turistica tra le più ambite dell’Italia centrale. Oltre allo spettacolo insuperabile della sua natura particolarmente felice offre la possibilità di praticare tutti gli sport acquatici (vela, windsurf, sci d'acqua, canottaggio, nuoto), ma anche trekking e mountain-bike. Nel Lago Trasimeno si trovano tre isole: l’Isola Polvese, l’Isola Maggiore e l’Isola Minore.
- Passignano sul Trasimeno. E’ situato sulla sponda settentrionale ed è considerato la perla del lago. Tra gli scorci più belli della città ci sono le mura medievali, la quattrocentesca Chiesa di San Rocco, la Chiesa di San Bernardino, la Chiesa di San Cristoforo, la Madonna dell’Oliveto, l’Oratorio di San Rocco, il Santuario di Maria Santissima dei Miracoli. Tutto il centro storico merita comunque di essere visitato.
- Castiglione del Lago. Sorge su un promontorio di roccia calcarea nella zona ovest del lago, è caratterizzato da mura medievali e da un centro storico affascinante. Da visitare la Rocca e il Castello del Leone, la Chiesa di San Domenico ed il Palazzo Ducale (detto anche Palazzo della Corgna).
- Magione. Sorge su una collina situata nella sponda est del lago. Da visitare il Castello dei Cavalieri di Malta, la Chiesa di San Giovanni Battista, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie e la Torre dei Lambardi.
Nelle più belle località situate presso il Lago Trasimeno con Romolini Immobiliari si possono acquistare casali, ville di lusso, castelli, agriturismi, ville signorili, antichi borghi, aziende agricole, olivicole e vitivinicole, dimore storiche, piccoli borghi, resort con piscina, ville vista lago, country house, casolari, ville con parco, case coloniche e bed and breakfast.

L’UMBRIA E I SUOI PREGIATI VINI: UN’ECCELLENZA MONDIALE
La viticoltura in Umbria vanta una lunga tradizione. Condizioni favorevoli per la coltivazione della vite e per la conseguente produzione di vino sono il territorio in prevalenza collinare ed il clima mite. Il vino prodotto è di assoluta qualità ed è per questo particolarmente apprezzato. Numerosi i vitigni autoctoni. Tra quelli a bacca bianca spiccano Grechetto, Verdello, Drupeggio, Procanico, Trebbiano Spoletino e le varie Malvasie, tra quelli a bacca nera Sagrantino, Sangiovese e Ciliegiolo.
Altri vitigni bianchi autorizzati nella regione sono Chardonnay, Garganega, Malvasia di Candia e del Chiantiì, Moscato Pecorina, Pinot bianco, Pinot grigio, Riesling Italico, Tocai, Verdicchio. Tra i vitigni rossi autorizzati nella regione figurano Aleatico, Gamay, Barbera, Cabernet Sauvignon, Canaiolo nero, Cesanese, Colorino, Dolcetto, Merlot, Montepulciano, Pinot nero e Vernaccia nera.
I vini DOCG prodotti in Umbria sono 2:
- Torgiano Rosso Riserva. E’ coltivato nel territorio di Torgiano, zona particolarmente favorevole grazie alla composizione del suolo, al clima e all’esposizione al sole. Queste le caratteristiche del vino: colore rosso rubino brillante, odore delicato, sapore asciutto, armonico e persistente.
- Montefalco Sagrantino. E’ coltivato nel territorio di Montefalco e nelle località di Bevagna, Gualdo, Castel Ritaldi, Cattaneo e Giano dell'Umbria. Queste le caratteristiche del vino: colore rosso rubino intenso, odore delicato, sapore asciutto e armonico.
 I vini DOC prodotti in Umbria sono 11:
- Assisi, Colli Altotiberini, Colli Amerini, Colli del Trasimeno, Colli Martani, Colli Perugini, Lago di Corbara,
Montefalco, Orvieto, Rosso Orvietano, Torgiano.
Tra i liquori più famosi dell’Umbria doveroso citare l’amaro al tartufo nero (a base di erbe varie e infuso di tartufo nero di Norcia) e il Vin Santo (ottenuto dalla spremitura di uva lasciata appassire per un paio di mesi in luogo asciutto e ben aerato).
Per mettere ancora più in risalto la qualità del vino sono stati istituiti percorsi ad hoc: la Strada dei Vini Etrusco Romana, la Strada del Vino dei Colli del Trasimeno, la Strada del Sagrantino e la Strada del Cantico.
In tutte le principali zone per quello che concerne il settore vitivinicolo contattando Romolini Immobiliari si possono acquistare casali, agriturismi, ville signorili, antichi borghi, aziende agricole, olivicole e vitivinicole, piccoli borghi rurali, residenze con vigneto, casolari, ville con parco, case coloniche.

LE PRELIBATEZZE DELLA CUCINA UMBRA
La cucina umbra deriva da un’antica tradizione, è semplice, ma decisamente gustosa. Questi i piatti tipici.
- Antipasti: salumi e formaggi, bruschetta, crostini ai fegatini di pollo, panzanella (pane raffermo bagnato arricchito da diversi tipi di ortaggi e condito con olio, sale ed aceto);  
- strangozzi al tartufo nero;
- pappardelle al sugo di lepre o di cinghiale;
- penne alla norcina (con salsiccia, panna e tartufo)
- vincisgrassi. Pasta al forno composta di vari strati, condita con parmigiano grattugiato e uno speciale ragù. Piatto diffuso soprattutto nelle zone di confine con le Marche;
- impastoiata. Polenta condita con fagioli bolliti e insaporiti con salsa di pomodoro;
- ciriole (tagliatelle casarecce) condite con soffritto di olio e aglio (o ragù);
- porchetta, galantina, arrosti;
- cardi al grifo. Cardi bolliti, passati nell’uovo e nel pan grattato, fritti e poi disposti in una teglia con carne di vitello e fegatini di pollo che infine vengono conditi con salsa di pomodoro e cotti nel forno;
- regina in porchetta. Specialità tipica del Lago Trasimeno. Carpa svuotata e farcita con un battuto di aglio, lardo, finocchietto e rosmarino prima di essere cotta allo spiedo;
- cappelle di porcini in gratella;
- piatti a base di cacciagione quali fagiano in salmì, tordi sotto la cenere (insaporiti con alloro, garofano, rosmarino, bacche di ginepro, salvia, maggiorana) e colombaccio selvatico allo spiedo;
- friccò. Pollo con pomodoro, aglio, rosmarino e salvia;
- torta al testo. Schiacciata a base di farina, acqua e sale che è molto simile alla piadina romagnola;
- torcolo, castagnole, cantucci, frittelle di San Giuseppe (dolci tipici anche della Toscana);
- panmielato. Dolce a base di nocciole impastate con miele, farina e scaglie di cioccolato;
- ciaramicola. Torcolo con alchermes ricoperto da una meringa dolce;
- strufoli. Dolce tipico del carnevale. Gnocchetti preparati con impasto di farina, scorza di limone, zucchero, uova, vaniglia e rum che vengono fritti e poi imbevuti di alchermes o cosparsi di miele.
- Pinocchiate. Impasto a base di zucchero fuso e pinoli che viene fatto raffreddare in forme romboidali della dimensione di un biscotto (anche con cacao);
- pere al sagrantino.

L’Umbria è la regione italiana più importante per quanto riguarda raccolta, lavorazione e vendita dei tartufi. Le due varietà più rinomate sono il Tartufo Nero di Norcia e il Tartufo Bianco, mentre di minore portata ma comunque molto utilizzati soprattutto come condimento sono lo Scorzone ed il Bianchetto. Tra i prodotti tartufati maggiormente conosciuti ci sono olio, creme, paste alimentari,  paté, formaggi, liquori.
Doveroso mettere in risalto i prodotti della norcineria (legati alla lavorazione e alla vendita di carni suine): prosciutto crudo, capocollo, spalletta, lonza, pancetta, guanciale, salame, ciauscolo, salsicce e coppa.
Tra i prodotti tipici della regione spiccano anche:
- formaggi. Raviggiolo, pecorino, ricotta salata e caciotta al tartufo.
- Legumi. Lenticchia di Castelluccio e di Colfiorito, fagiolina del Trasimeno, cece piccino e cicerchia.
- “Baci” Perugina. Cioccolatini farciti con gianduia e granella di nocciola e ricoperti di cioccolato fondente. I “Baci” sono conosciuti in tutto il mondo.
- olio extravergine. Le principali località per ciò che concerne l’olivicoltura sono Assisi, Spello, Spoleto, Trevi, Foligno e Campello. 5 le sottodenominazioni geografiche in cui è suddiviso il territorio: Colli Assisi-Spoleto, Colli Martani, Colli Amerini, Colli del Trasimeno, Colli Orvietani. L’olio umbro vanta una tradizione antica ed è generalmente caratterizzato da un colore verde brillante e da un sapore pronunciato. Sempre più diffusa la produzione di olio extravergine biologico che riduce l'impatto ambientale.
- miele, marmellate, condimenti, erbe aromatiche, castagne, spezie ed ortaggi (tra cui la famosa cipolla di Cannara, la patata rossa di Colfiorito e il sedano nero di Trevi).
Con Romolini Immobiliari è possibile acquistare casali, ville di lusso, appartamenti di prestigio, agriturismi, ville signorili, antichi borghi, aziende agricole, olivicole e vitivinicole, palazzi, castelli, relais con piscina e parco, dimore storiche, piccoli borghi rurali, casali con piscina, torri antiche, molini, residenze con vigneto e casolari in tutte le località più affascinanti della regione.

FESTE E TRADIZIONI IN UMBRIA: TUTTI GLI EVENTI DA NON PERDERE
L’Umbria è terra ricca di tradizioni, feste, giostre, manifestazioni e rassegne di vario genere. Queste le più importanti.
- Umbria Jazz a Perugia. E’ stato istituito nel 1973 ed è una delle più importanti manifestazioni jazzistiche a livello mondiale. Nel Festival non solo concerti, ma anche seminari e mostre mercato.
- Festival dei Due Mondi. Fu istituito nel 1958 da Giancarlo Menotti, si tiene a Spoleto tra l'ultima settimana di giugno e le prime due di luglio. E’ nato come momento di incontro e occasione di scambio culturale, oggi propone spettacoli di prosa, teatro e danza, ma anche concerti, mostre, proiezioni di film.
- Festival delle Nazioni. Si tiene tra la fine agosto e i primi di settembre a Città di Castello e ogni anno ospita una nazione europea di nobili tradizioni musicali che si esibisce in vari concerti.
- Segni Barocchi Festival. Fu istituito nel 1981 e si svolge a Foligno nel mese di settembre. Prevede mostre, spettacoli musicali, teatrali e cinematografici e qualsiasi altra forma artistica inerente l'epoca barocca.
- Sagra Musicale Umbra. Si svolge a Perugia nella seconda quindicina di settembre a partire dal 1937.
- Eurochocolate. Si svolge a Perugia nel mese di ottobre ed è la festa del cioccolato.
- Festa dei Ceri. Si disputa a Gubbio il 15 maggio in onore di Sant’Ubaldo Baldassini. E’ una particolare corsa che si svolge nelle strade della città. I Ceri sono tre enormi macchine in legno (alte circa 7 metri), di forma ottagonale fissate in basso a delle barelle e sormontate dalla statua di un Santo: Sant’Ubaldo (protettore dei muratori), San Giorgio (protettore dei commercianti) e Sant’Antonio abate (protettore dei contadini). A trasportare queste pesantissime strutture (oltre 300 kg) sono i cosiddetti “ceraioli”.
- Giostra della Quintana. Manifestazione storica in costume con Torneo cavalleresco che si svolge a Foligno in due date distinte. “La Sfida” in notturna nel secondo sabato di giugno, "la Rivincita" di pomeriggio nella seconda domenica di settembre. La Giostra consiste nel compiere alcuni giri dell'antico stadio infilando tre volte un anello dal diametro decrescente (8, 6 e 5 centimetri) appeso a una statua (la "Quintana"). Vince chi fa registrare il miglior tempo ed il minor numero di penalità. I fantini corrono indossando costumi storici seicenteschi. E’ nata nel 1946 ed è gara che vede come protagonisti i 10 rioni della città: Ammanniti, Badia, Cassero, Contrastanga, Croce Bianca, Giotti, La Mora, Morlupo, Pugilli, Spada
- Corsa all'Anello di Narni. E’ una rievocazione storica medievale che si disputa a Narni dall'ultima settimana del mese di aprile alla seconda domenica di maggio, giorno della corsa. La gara consiste nell'infilare con la lancia un anello sospeso (che si sgancia automaticamente quando viene centrato) e si svolge su un tracciato ellissoidale. I tre terzieri (così sono chiamati i rioni) dispongono di tre cavalli e di tre cavalieri. I terzieri di Narni sono: Mezule, Fraporta e Santa Maria.
- Palio dei Terzieri. Si svolge a Città della Pieve la prima domenica dopo il 15 agosto. I cavalieri dei 3 terzieri rievocano l'antica caccia del toro sfidandosi nel tiro con l'arco e cercando di colpire sagome di tori chianini fissate su pedane mobili. I Terzieri derivano dalla suddivisione della città medioevale e sono Castello, Borgo Dentro e Casalino.
- Calendimaggio. Si svolge ad Assisi il giovedì, il venerdì ed il sabato successivi rispetto al 1 maggio. La festa fu istituita per salutare l’arrivo della primavera. La tradizione affonda le sue origini nell’antica rivalità tra le famiglie (i Fiumi e i Nepis) che controllavano le due parti in cui era suddivisa la città: la “Parte de Sopra” e la “Parte de Sotto”. Le due zone si sfidano per la conquista del palio attraverso cortei in costumi medievali ed esibizioni di vario genere.
- Mercato delle Gaite. Si svolge a Bevagna nell’ultima decade di giugno e trae ispirazione dalla suddivisione medievale del paese in quattro quartieri (gaite) il cui nome deriva dalle antiche chiese: San Giovanni (oggi S. Michele Arcangelo,) Sancta Maria Filiorum Comitis, San Pietro e San Giorgio (ora Chiesa di San Domenico e del Beato Giacomo). La manifestazione ripropone quella che era la vita quotidiana degli abitanti di Bevagna tra il 1250 e il 1350 e mette in risalto gli antichi mestieri. Le varie gaite si sfidano in quattro competizioni: la gara del mercato, la gara dei mestieri, la gara gastronomica, la gara di tiro con l'arco.
- Celebrazioni in onore di Santa Rita da Cascia si svolgono il 21 e il 22 maggio a Cascia e Roccaporena.

In tutti i luoghi più belli dell’Umbria Romolini Immobiliari offre una vasta gamma di casali, ville di lusso, castelli, appartamenti di prestigio, agriturismi, ville signorili, antichi borghi, aziende agricole, olivicole e vitivinicole, palazzi, relais, dimore storiche, piccoli borghi, casali con piscina, torri, resort con piscina, ville vista lago, residenze con vigneto, country house, casolari, ville con parco, hotel con piscina, mulini, case coloniche, bed and breakfast ed antiche abbazie.

 

 

Per un contatto diretto Tel. +39 0575788948 - e-mail: info@romolini.com

Immobili 1 - 1 di 1
CASTELLO CON TORRE IN VENDITA IN UMBRIA
Rif. 663

"CASTELLO TORRITO"

CASTELLO CON TORRE IN VENDITA IN UMBRIA

  • Posizione: Panoramica.
  • Condizioni: Ristrutturata.
  • Superficie: 920 mq
  • Camere: 4
  • Terreno: 4 ettari
  • Piscina: si

FOLIGNO - PERUGIA - UMBRIA

Castello con torre pentagonale in vendita in Umbria. La proprietà comprende un’antica fortezza con cinta muraria, resti di vari edifici recuperabili, la torre di guardia e la cappella privata, oggi completamente restaurati, per una superficie complessiva di 970 mq. La proprietà è completata da un terreno circostante di 4 ettari con circa 470 piante di ulivi.

 
EUR 3.500.000,00
Immobili 1 - 1 di 1
Facebook - RomoliniImmobilidiPrestigio Youtube - Romolinimmobiliare Blogspot immobilidiprestigio-villelusso-casali Twitter PropertiesItaly
 
   
© AGENZIA ROMOLINI IMMOBILIARE S.r.l.
Via Trieste n. 10/c, 52031 Anghiari (AR) Italy
Tel: +39 0575 788948
Fax +39 0575 786928

Mail: info@romolini.com

  Legal notice | Privacy policy | Policy cookies | Links | Site map