VENETO - VILLA VENETA IN VENDITA, VILLA PALLADIANA IN VENDITA

ISRAELI VERSION AMERICAN VERSION DEUTSCH VERSION RUSSKAJA VERSIJA ENGLISH VERSION VERSIONE ITALIANA
HOME PAGE >

IMMOBILI IN VENDITA > VENETO

     
   
Ricerca veloce immobili per:  
 

Stato

 

Immobile

   
             

Regione

 

Prezzo

 
           
Provincia  

N. Camere

 
           
Comune  

Lifestyle

 
LOCATION ITALIA LOCATION ESTERO LIFESTYLE TIPOLOGIA AREE KEYWORDS
    X CHIUDI
Apri Ricerca avanzata immobili

Veneto

Se non avete trovato l'immobile che stavate cercando, descrivetelo compilando il seguente FORM cliccare qui >>



VENETO - VILLA VENETA IN VENDITA, VILLA PALLADIANA IN VENDITA Siete alla ricerca di un immobile in vendita in Veneto? Siamo lieti di presentarvi una raffinata selezione di immobili di prestigio in vendita in Veneto. Ville venete, ville palladiane e residence di lusso in vendita. Villa veneta con barchessa in vendita. BELLUNO: Feltre, Pieve di Cadore. PADOVA: Monselice. VENEZIA: Fiesso d’Artico, Venezia. Regione confinante con l’Emilia-Romagna, la Lombardia, il Trentino-Alto Adige e il Friuli-Venezia Giulia, il Veneto offre una splendida varietà di paesaggi, dalle montagne innevate delle Dolomiti, alle lunghe spiagge di Jesolo e Bibione. In questa regione si trovano meravigliose ville palladiane e ville con barchessa in vendita con Romolini Immobiliare. Oltre ville affacciate sul mare e appartamenti in palazzi storici a Venezia, l’Agenzia Romolini Immobiliare propone ville di prestigio in vendita sul Lago di Garda. Sulle sponde di questo lago, citato da Dante nella sua Divina Commedia («Suso in Italia bella giace un laco, a piè de l'Alpe che serra Lamagna sovra Tiralli, c'ha nome Benaco.»), sia affacciano splendide ville ed eleganti case. Perfetto connubio tra arte e natura, il Veneto si rivela meta turistica di milioni di visitatori, attratti in special modo dai canali, dalle piazze e palazzi storici di Venezia. VENETO - VILLA VENETA IN VENDITA, VILLA PALLADIANA IN VENDITA Venezia, capoluogo di regione, è una delle città più conosciute del mondo. Se desiderate acquistare un appartamento di lusso ubicato all’interno di palazzi nobiliari o residenze storiche, Romolini Immobiliare Christie’s International Real Estate offre una raffinata selezione di immobili di prestigio in vendita. Inoltre, se desiderate investire il Vostro capitale in strutture ricettive, tramite l’Agenzia Romolini Immobiliare, potrete acquistare Hotel di lusso nel centro di Venezia. Piazza San Marco, dove è situata l’omonima Basilica, il Ponte di Rialto e il Ponte dei Sospiri, sono solo alcuni dei siti di incommensurabile bellezza da visitare. Durante tutto il mese di febbraio, ha luogo il Carnevale di Venezia, dove maschere e mantelli colorano la città. Gli affreschi di Giotto e le sculture di Donatello, il Duomo con il suo Battistero romanico, la Basilica di S.Antonio e quella di S.Giustina, sono perle della città di Padova. Inserito nella cornice dei Colli Euganei, il borgo medievale di Monselice è famoso per il Castello, risalente all’undicesimo secolo. Proprio in questo comune Romolini Immobiliare propone una meravigliosa villa con barchessa in vendita. Tipica dell'architettura delle ville venete, la barchessa è un edificio di servizio, nobilitato da Andrea Palladio, il quale progettò barchesse collegate alle ville padronali, per conferire loro maggiore armonia e monumentalità. Vicenza è una città elegante caratterizzata da palazzi progettati da Andrea Palladio, il quale ne definì lo stile e l’architettura. Conosciuta per questo come “Città del Palladio”, Vicenza, come Treviso, Padova e Rovigo, è appunto una delle mete d’obbligo per chi vuole visitare le incantevoli Ville Palladiane. È proprio alle porte di Vicenza che si trova la celebre Villa Almerico-Capra, conosciuta come La Rotonda, villa a pianta centrale perfettamente simmetrica. Scelta come cornice da Shakespeare per la tragedia “Romeo e Giulietta”, la città di Verona ospita ogni anno un’importante stagione lirica estiva all’interno del famoso anfiteatro romano conosciuto come “Arena di Verona”. Palazzi nobiliari, logge e basiliche rendono l’atmosfera di questa città familiare ed accogliente. VENETO - VILLA VENETA IN VENDITA, VILLA PALLADIANA IN VENDITA “Collina splendente”, Belluno, con le fontane della Città Vecchia e i palazzi signorili, è incorniciata dalle alte montagne innevate delle Dolomiti. Patrimonio dell’Unesco, le Dolomiti sono il luogo ideale per chi ama trascorrere il proprio tempo libero in località sciistiche e di montagna, dove poter svolgere attività ricreative all’aria aperta, come lunghe camminate ed escursioni ad esempio nelle località di Cortina d’Ampezzo, Pieve di Cadore e Feltre. In queste zone vi sono chalet e case in montagna in vendita con l’Agenzia Romolini Immobiliare. Romolini Immobiliare Christie’s Real Estate è lieta di presentarvi una raffinata selezione di aziende vitivinicole in vendita in questa regione. Vini pregiati come l'Amarone della Valpolicella, il Valdobbiadene, il Bagnoli Friularo, il Bardolino Superiore, il Colli Asolani, il Colli di Conegliano, il Colli Euganei, il Conegliano, il Fior d'Arancio, il Lison, il Montello Rosso, il Piave Malanotte, il Recioto della Valpolicella, il Recioto di Gambellara, il Recioto di Soave, il Soave Superiore, sono alcuni dei vini nati dalle pregiate uve vigneti veneti. VENETO - VILLA VENETA IN VENDITA, VILLA PALLADIANA IN VENDITA Se siete interessati alla commercializzazione del vino e alla sua esportazione, contattando l’Agenzia Romolini Immobiliare avrete la possibilità di acquistare un’azienda vinicola con cantina e vigneti non solo in Veneto, ma anche in Toscana, nella zona di Montepulciano, Montalcino e Bolgheri, e in ogni altra regione d’Italia.

IL VENETO: DAL MARE ALLE DOLOMITI ATTRAVERSO UNA REGIONE TUTTA DA SCOPRIRE

Il Veneto è regione ricca di fascino e di luoghi incantevoli ed è per questo motivo una delle mete più ambite sotto il profilo turistico. Confina a nord con il Trentino-Alto Adige e l'Austria, a sud con l'Emilia-Romagna, ad ovest con la Lombardia, a est con il Friuli-Venezia Giulia, a sud-est con il Mar Adriatico. Assieme al Trentino-Alto Adige ed al Friuli-Venezia Giulia costituisce la macroarea del Triveneto. Il territorio è prevalentemente pianeggiante (56,4%), ma presenta anche estese zone montuose (29,1%) e collinari (14,5%). Il paesaggio è variegato: dalla fascia costiera che si affaccia sull'Adriatico fino alle Dolomiti passando per Pianura Padana, Colli Euganei e Monti Berici. La vetta più alta della regione è la Marmolada (3343 metri) situata in provincia di Belluno. Il Veneto è famoso per le sue città d'arte, per la laguna, per la Riviera del Brenta, per le favolose ville, per le località balneari, per le vette dolomitiche, per i suoi laghi, per le località termali, per i vini di alta qualità e per una serie infinita da paesaggi da favola.
La regione è caratterizzata dalla presenza di un parco nazionale (Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi) e di numerose aree regionali: le riserve naturali Piaie Longhe-Millifret, Pian di Landro-Baldassare, Bocche di Po, Bosco Nordio, Gardesana Orientale e Lastoni Selva Pezzi, i parchi naturali delle Dolomiti, del Delta del Po, del Fiume Sile, dei Colli Euganei, della Lessinia. In Veneto si trovano anche il Lago di Garda (il più esteso d’Italia), i fiumi Po (il più lungo corso d’acqua italiano), Adige (il secondo per lunghezza) ed il Piave (uno dei simboli della storia del nostro paese, considerato “Fiume Sacro alla Patria”). Le province della regione sono Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza. L’agricoltura ha perso peso con il passare del tempo, ma riveste ancora un ruolo rilevante nell’economia del Veneto e questo grazie ad un costante processo di modernizzazione. Si coltivano soprattutto granoturco, orzo, piselli, fagioli, mele, pere, carote, barbabietole, tabacco, vino, riso e foraggi. Notevole è la produzione di vino di alta qualità (ad esempio Valpolicella, Bardolino e Soave). Tra le specialità della regione spiccano il radicchio rosso di Treviso, gli asparagi di Bassano e le ciliegie di Marostica. Ancora oggi significativo il peso di allevamento (pollame, suini e bovini) e pesca.
Nel secondo dopoguerra il Veneto ha conosciuto un’eccezionale sviluppo industriale tanto da diventare una delle regioni più ricche d'Italia. Il polo più importante in questo senso è quello costituito da Mestre e Porto Marghera (in cui arrivano via mare materie prime destinate alle raffinerie di petrolio, ai complessi chimici e agli stabilimenti metallurgici che producono acciai, ghisa, zinco, alluminio). Le imprese di medie e piccole dimensioni, diffuse in tutto il territorio regionale, fanno comunque da traino all’intero settore: stabilimenti grafici a Verona, elettrodomestici a Treviso e Conegliano, tessuti e filati a Schio e Valdagno, ottici a Belluno, macchine agricole a Padova e Verona, calzaturifici a Treviso, Verona, Vicenza, biciclette a Vittorio Veneto e Padova, oreficerie e concerie a Vicenza. Tra i settori più sviluppati della regione il comparto alimentare (in primis zuccherifici e industrie dolciarie) e l’artigianato di alta qualità (i vetri artistici di Murano, i merletti di Burano, l'oreficeria a Vicenza e Venezia, i laboratori della ceramica di Bassano, la fabbricazione di mobili in stile, le calzature e l’abbigliamento). Il Veneto occupa il secondo posto tra le regioni italiane in merito alla produzione di energia elettrica e negli ultimi anni ha visto crescere in modo esponenziale il peso del settore terziario per quello che concerne servizi (trasporti, commercio, banca) e turismo. Quest’ultimo indirizzato verso le località balneari (Jesolo, Caorle, Bibione, Eraclea Mare, Cavallino-Treporti, Sottomarina e Rosolina), le zone di montagna (Cortina d'Ampezzo, Val Zorldana, Arabba, Sappada, Falcade, Alleghe, Pieve di Cadore, Asiago), le città d'arte, i paesi del Lago di Garda. Grazie al suo patrimonio paesaggistico, storico, artistico e architettonico il Veneto è una tra le regioni più visitate d'Italia. I porti più importanti sono Porto di Lido-San Nicolò, Porto di Malamocco, Porto di Chioggia e Porto di Venezia.
I siti riconosciuti dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità sono:
- Venezia e la sua Laguna.
- Vicenza e le ville palladiane del Veneto: Villa Trissino (Vicenza); Villa Gazzotti Grimani (Vicenza); Villa Almerico Capra (Vicenza); Villa Angarano (Bassano del Grappa); Villa Caldogno (Caldogno); Villa Chiericati (Grumolo delle Abbadesse); Villa Forni Cerato (Montecchio Precalcino); Villa Godi (Lugo di Vicenza); Villa Pisani Ferri (Lonigo); Villa Pojana (Pojana Maggiore); Villa Saraceno (Agugliaro); Villa Thiene (Quinto Vicentino); Villa Trissino (Sarego); Villa Valmarana Zen (Bolzano Vicentino); Villa Valmarana Bressan (Monticello Conte Otto); Villa Badoer (Fratta Polesine); Villa Barbaro (Maser); Villa Emo (Vedelago); Villa Zeno (Cessalto); Villa Foscari (Mira); Villa Pisani (Montagnana); Villa Cornaro (Piombino Dese); Villa Serego (San Pietro in Cariano) e Villa Piovene (Lugo di Vicenza).
- l’Orto botanico di Padova.
- Verona.
- Le Dolomiti (Provincia di Belluno).
- I siti palafitticoli preistorici attorno alle Alpi: Belvedere (Peschiera del Garda); Frassino (Peschiera del Garda); Oasi Valle Brusà (Cerea); Laghetto della Costa (Arquà Petrarca). Tra i personaggi famosi che sono nati in Veneto figurano l’avventuriero Marco Polo, gli artisti Giorgione, Tintoretto, Tiziano, Canaletto, Bellini e lo scrittore Carlo Goldoni. Contattando Romolini Immobiliari si possono acquistare ville di lusso, appartamenti di prestigio, chalet, immobili di lusso, appartamenti in stile neoclassico, casali, ville venete, castelli, agriturismi, ville signorili, aziende agricole, ville palladiane olivicole e vitivinicole, palazzi, residenze con vigneto, casolari, case di lusso, ville palladiane, hotel e case coloniche in tutte le località più belli del Veneto.

LA STORIA DEL VENETO: DALL’ANTICHITA’ ALLE DUE GUERRE MONDIALI

I primi insediamenti nel territorio furono quelli di euganei e veneti. La regione venne occupata dai romani e divenne parte integrante dell’Impero fino al momento della sua caduta. Le incursioni dei barbari iniziarono a diventare fattore determinante a partire dal V secolo d.C.: prima gli Unni, poi gli Eruli e infine gli Ostrogoti di Teodorico che nel 493 stabilirono il loro regno sul Veneto e sull'Italia. Nel secolo seguente il dominio dei Goti fu interrotto dall’arrivo dei Bizantini e poi dei Longobardi. Le terre venete appartenenti al nuovo Regno Longobardo furono divise tra i ducati di Vicenza, Verona e Ceneda. La zona bizantina venne unita nel 580 ai superstiti territori settentrionali nella costituzione dell’Eparchia Annonaria e nel 584 fu resa zona autonoma dipendente dall'Esarcato d'Italia con il nome di Venetia Maritima. Le autorità politiche e religiose romano-venete trovarono rifugio nei principali centri lagunari che andarono a formare, nel 697, il Ducato di Venezia. Alla fine dell'VIII secolo il Regno Longobardo fu travolto dai Franchi di Carlo Magno, divenuto nel frattempo imperatore del Sacro Romano Impero. I problemi dinastici interni all'impero e le aggressioni degli Ungari provocarono vuoto di poteri e conflittualità. L'autorità fu infine ristabilita da Ottone I. Egli aggregò nel 962 un vasto territorio dell'Italia nord-orientale al ducato di Baviera e nel 976 al ducato di Carinzia. Ne derivò una sorta di cerniera fra Germania e Italia che fu chiamata Marca di Verona. Da questa si staccarono la diocesi di Trento nel 1027 e il Friuli nel 1077. I legami fra Marca Veronese e Impero vennero rafforzati dalla presenza nel territorio di dinastie feudali di origine germanica (come Carraresi e Estensi). Il territorio veneto conobbe in questo periodo un enorme sviluppo e fu caratterizzato dalla nascita sempre più frequente di liberi comuni. Il XIII secolo fu segnato dall’espansionismo della Repubblica di Venezia che accolse sotto il potere della cosiddetta “Serenissima” Istria, Dalmazia, le Isole dello Ionio, Creta, Cipro e una serie di basi posizionate nel Peloponneso, nell'Egeo e in Anatolia. La crescita dei Carraresi divenne una seria minaccia per la Repubblica di Venezia che ritrovò comunque la sua unità dopo le guerre avvenute ad inizio 1400. La “Serenissima” allargò notevolmente i confini del proprio dominio e divenne uno degli stati più importanti d’Europa. In questo periodo non mancarono i conflitti. Tra i più significativi quello tra Venezia e la Lega di Cambrai, la coalizione guidata da Papa Giulio II. La Repubblica vacillò, ma alla fine resistette. La fine della guerra fu viatico di un lungo periodo di pace (pax veneta) che iniziò nel 1530 e che si protrasse in pratica fino al 1797. A scompaginare la situazione fu la discesa in Italia di Napoleone Bonaparte. Venezia provò a rimanere neutrale, ma le truppe francesi occuparono diversi territori e per soffocare le cosiddette Pasque Veronesi (insurrezioni spontanee popolari contro i transalpini) rovesciarono il governo aristocratico. La storia della “Serenissima” era ormai arrivata all’epilogo. La fine fu decretata Il 12 maggio 1797, giorno in cui il Maggior Consiglio cedette i poteri alla Municipalità. Il Trattato di Campoformio, firmato il 17 ottobre 1797 tra Francia ed Austria, stabilì il passaggio dei territori facenti parte della Repubblica di Venezia all’Austria. La dominazione asburgica fu caratterizzata da numerosi moti risorgimentali che portarono tra l’altro alla breve ma significativa esperienza della Repubblica di San Marco (1848-1849). L’Austria conservò il suo dominio nel Veneto dopo le prime due guerre d’indipendenza, mentre l’annessione al Regno d’Italia avvenne al termine della Terza Guerra d’Indipendenza (20 giugno - 12 agosto 1866). Le truppe italiane furono in verità sconfitte dall’esercito austriaco sia per mare (a Lissa) che per terra (a Custoza), ma decisiva nel momento in cui fu redatto l’armistizio di Cormons fu la vittoria ottenuta a spese della potenza asburgica dai prussiani (Battaglia di Sadowa). Il trattato di pace firmato a Vienna stabilì il passaggio del Veneto prima alla Francia di Napoleone III e successivamente all’Italia. A sancire l’atto formale fu il plebiscito del 21 ottobre 1966. La storia filò senza particolari sussulti fino al 1915, anno in cui l’Italia fece il suo ingresso nella Prima Guerra Mondiale. in seguito alla disfatta di Caporetto il fronte bellico si concentrò quasi esclusivamente in terra veneta. Roccaforte della resistenza fu il fiume Piave (simbolo dello spirito patriottico come testimoniato dalla famosa canzone “La Leggenda del Piave”), linea da cui iniziò l’avanzata che portò l’Italia alla decisiva vittoria conquistata il 4 novembre 1918 nella Battaglia di Vittorio Veneto (conclusa dal’armistizio di Villa Giusti che sanciva la fine dell’Impero austro-ungarico e il trionfo italiano). Il Veneto fu, come il resto della penisola, devastato dalla Seconda Guerra Mondiale, ma ebbe fin da subito la forza per ripartire e diventò nel giro di pochi anni uno dei simboli prima della ricostruzione e poi dello sviluppo industriale.

LE PRINCIPALI CITTA’ DEL VENETO: DALLA MAGIA DI VENEZIA ALLA SPLENDIDA

VERONA
Il Veneto è caratterizzato da città di straordinaria bellezza sotto il profilo artistico, architettonico, culturale. Autentiche gemme che ogni anno attirano milioni di turisti provenienti da tutto il mondo e che conservano intatto il fascino di una storia particolarmente intensa.

Venezia
E’ il capoluogo della regione, è famosa in tutto il mondo ed è unanimemente considerata una delle città più belle del pianeta. Non solo perché è riconosciuta dall’UNESCO come Patrimonio Mondiale dell’Umanità, ma perché possiede caratteristiche che la rendono unica ed affascinante. Venezia sorge infatti su un arcipelago di 118 isolette intersecate da 150 canali e collegate fra loro da più di 400 ponti. Uno scenario incantevole, una cartolina mozzafiato, un tesoro di inestimabile valore sotto il profilo artistico, culturale, paesaggistico e ambientale. E’ conosciuta anche come la “Serenissima”, soprannome che deriva dalla millenaria esperienza vissuta in qualità di capitale della Repubblica di Venezia. Città di ineguagliabile bellezza che emerge dalle acque e che trasmette in ogni suo scorcio una sensazione di magia. Il comune comprende territori insulari e di terraferma ed è articolato attorno ai centri di Venezia (nell'omonima laguna) e Mestre (nella terraferma).
Il cuore della città è rappresentato dalla splendida Piazza San Marco. Qui si trovano la Basilica di San Marco (un autentico capolavoro dell’architettura romanico-bizantina), il Campanile di San Marco (alto poco meno di 100 metri e completato in alto da una cuspide di forma piramidale sulla cui cima si trova la statua in oro dell’Arcangelo Gabriele) e Palazzo Ducale (famosa dimora del Doge della Serenissima Repubblica).
Questi alcuni degli altri luoghi più incantevoli di Venezia:
- il Canal Grande. Attraversa il centro della città per 4 km dividendolo in due parti. Inizia presso Piazzale Roma e si allunga fino a Piazza San Marco e alla laguna. Impossibile per i turisti resistere al fascino di un tour sul Canal Grande a bordo della caratteristica gondola o del vaporetto. Sul Canal Grande si affacciano palazzi splendidamente decorati ed incredibilmente affascinanti. Tra questi la Chiesa degli Scalzi, Palazzo Labia, Palazzo Vendramin Calergi, Ca' d'Oro, Ca’ da Mosto, Fondaco dei Tedeschi, Palazzo Mocenigo, Ca' Rezzonico, Palazzo Grassi, Fondaco dei Turchi, Ca' Pesaro, Ca' Foscari, Palazzo Moro, Palazzo Venier dei Leoni (che ospita la Collezione Peggy Guggenheim).
- I ponti che collegano le varie zone della città ed in primis Ponte dei Sospiri e Ponte di Rialto. Il Ponte della Costituzione è invece quello più recente sotto il profilo cronologico. - le numerose strutture religiose tra cui spiccano Chiesa del Redentore, Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, Chiesa di San Francesco della Vigna, Chiesa di Santa Maria della Salute e Chiesa di Santa Maria dei Miracoli. Oltre ovviamente alle già citate Basilica di San Marco e alla Chiesa degli Scalzi.
- Casa Goldoni, Palazzo Foscari, Le Procuratie, la Torre dell’Orologio, l’Arsenale (con le torri), il Teatro La Fenice (inaugurato il 16 maggio 1972), la Galleria dell’Accademia, il Museo Correr.
Tra le più importanti isole della laguna doveroso ricordare:
- il Lido di Venezia. Sottile isola che si allunga per circa 11 km tra la laguna di Venezia ed il mare Adriatico, delimitata dai porti di San Nicolò e Malamocco e collegata alla terraferma solo da vaporetti e motozattere. Il luogo più conosciuto del Lido è il Palazzo del Cinema dove ogni anno si svolge il Festival del Cinema.
- Torcello. E’ stata la prima isola abitata della laguna ma oggi risulta quasi abbandonata. - Burano. Conosciuta per le sue case multicolori e per la lavorazione del merletto, ottenuto con l’ausilio del caratteristico tombolo (una tra le più pregiate collezioni di questa nobile ed antica arte è esposta presso il Museo del Merletto). Il cuore del paese è Piazza Baldassare Galoppi dove si trova la Chiesa San Martino (al cui interno il Crocifissione del Tiepolo).
- Murano. Località famosa in tutto il mondo per i vetri artistici.
- San Francesco del Deserto. Affascinante luogo di meditazione e preghiera.
- San Lazzaro degli Armeni. Ex lazzaretto e ora sede di un monastero in cui sono custoditi inestimabili tesori.
Nella splendida Venezia contattando Romolini Immobiliari si possono acquistare ville di lusso, appartamenti di prestigio, immobili di lusso, palazzi, pied a terre, case di lusso.

Belluno
E’ situato nel punto in cui confluiscono il torrente Ardo e il fiume Piave in una posizione difensiva strategica che le ha tra l’altro permesso di svolgere un ruolo da protagonista nelle due guerre mondiali. Belluno è considerata la “porta delle Dolomiti”, è caratterizzata da un interessante centro storico, da lunghi porticati ed affascinanti palazzi rinascimentali. Tra le bellezze della città spiccano Piazza Duomo (dove si trovano il bellissimo campanile settecentesco di Filippo Juvarra e la Fontana di San Gioatà), la Basilica Cattedrale di San Martino, Palazzo dei Rettori, Porta Dojona (a nord), Porta Rugo (a sud), Piazza dei Martiri, Palazzo della Crepadona, Palazzo dei Vescovi, Villa Fulcis Montalban, i ponti che attraversano il Piave, le fontane di San Lucano, di Sant’Elena e della Motta e Palazzo Rosso.

Padova
Si trova nell’estremità orientale della Pianura Padana ed è una delle città più belle del nord Italia sia sotto il profilo architettonico che artistico-culturale. Padova è stata nel corso del XIV secolo centro nevralgico della pittura italiana e conserva ancora oggi capolavori senza tempo. Emblematica in questo senso è la Cappella degli Scrovegni, il ciclo più completo di affreschi realizzato da Giotto nella sua maturità tipo (episodi della vita di Gioacchino e Anna, della vita di Maria, della vita e della morte di Cristo). Favolose collezioni di opere d’arte si trovano anche nei Musei Civici e nel Battistero del Duomo. Il simbolo di Padova è la Basilica di Sant’Antonio caratterizzata dalla facciata romanica, dal deambulatorio gotico, dalle cappelle bizantine e dai campanili moreschi. Tra le strutture religiose che meritano di essere visitate troviamo la Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta, la Basilica di Santa Giustina, gli edifici romanici di Santa Sofia ed il Battistero, la Basilica del Carmine, il Santuario di San Leopoldo e le chiese gotiche degli Eremitani. Di incredibile fascino anche il Prato della Valle, Palazzo della Ragione, Palazzo delle Debite, Palazzo del Bo (con al suo interno il Teatro Anatomico e la Sala dei Quaranta in cui si trova la famosa Cattedra di Galileo Galilei), l’Oratorio di San Giorgio, Piazza dei Signori (con Palazzo del Capitanio e Loggia della Gran Guardia), le mura con la Torre della Specola e il Castello, le riviere che costeggiano i canali e il Monumento Equestre al Gattamelata. Impossibile infine non citare Piazza delle Erbe e Piazza della Frutta.

Rovigo
Città piccola, ma comunque interessante ed elegante. Gli scorci più caratteristici di Rovigo sono il Duomo (dedicato a Santo Stefano), il Tempio della Beata Vergine del Soccorso, l’Oratorio della Beata Vergine di Pompei, la Chiesa dei Santi Francesco e Giustina, il famoso Castello medievale, Piazza Vittorio Emanuele II, la Torre Donà, Palazzo Roverella, la Palazzina del Corpo di Guardia, il Teatro Sociale, la Loggia dei Notari, Palazzo dell’Accademia dei Concordi, Palazzo Angeli e Palazzo Roncale.

Treviso
Altra perla del Veneto con i suoi canali e i numerosi scorci da visitare. I due fiumi, Sile e Cagnan, s'insinuano tra le strade e donano grande fascino al centro storico (circondato da antiche mura). Il simbolo di Treviso è Piazza dei Signori (centro politico e culturale della città) nella quale splendono il Palazzo del Trecento e la Loggia dei Cavalieri. Il centro storico è ancora parzialmente racchiuso dalla cinta muraria costruita nel XVI secolo. Impossibile non citare le incantevoli case che si affacciano sul Canale dei Buranelli (con le facciate affrescate), l’Isola della Peschiera, Palazzo dei Podestà, la Torre Civica, la Ca’ dei Carraresi, il lungo Sile, Porta San Tommaso, Porta Santi Quaranta, Porta Altinia e le numerose fontane. Tra le strutture religiose spiccano la Cattedrale di San Pietro Apostolo, la Chiesa di San Francesco, Chiesa di San Nicolò e la Chiesa di San Martino Urbano.

Verona
Sorge lungo le rive del fiume Adige ed è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Verona è la città di “Romeo e Giulietta” (la tragica vicenda amorosa resa immortale dalla penna di Shakespeare) ed era considerata la “Porta d’Italia”. I luoghi più belli da visitare sono l’Anfiteatro Romano (l’Arena di Verona), l’Arco dei Gavi, la Cattedrale di Santa Maria Matricolare (il Duomo), Piazza delle Erbe (con Palazzo Maffei, la Fontana della Madonna di Verona, il Leone Marciano), la Casa di Giulietta (con la statua in bronzo ed il balcone che vide sbocciare l'amore tra i due giovani), la Torre del Galdello, Porta Borsari, Porta Leoni, le antiche mura, Ponte Pietra, Ponte di Castel Vecchio, Palazzo dei Podestà, Piazza dei Signori, Porta Nuova, Porta San Zeno, Porta Palio, Castelvecchio, il Teatro Romano, Palazzo Canossa, Palazzo Turchi, Via Mazzini, Palazzo Bevilacqua, Corso Porta Nuova, Palazzo della Gran Guardia, la Torre dei Lamberti, la Chiesa di San Zeno, Piazza Bra, il Teatro Nuovo e Palazzo Barbieri.

Vicenza
E’ adagiata ai piedi dei Monti Berici, è uno dei principali centri economici d’Italia, è soprannominata “la città del Palladio” ed è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Cuore pulsante della città è Piazza dei Signori (con la Basilica Palladiana e l’adiacente Torre). Di grande impatto anche la Cattedrale di Santa Maria Annunciata, la Loggia del Capitano, Villa Guiccioli, il Teatro Olimpico, la Basilica di Monte Berico, Corso Andrea Palladio, Piazza Castello, Palazzo Chiericato (sede della Pinacoteca e del Museo Civico), l’Arco delle Scalette, la Basilica dei Santi Felice e Fortunato, il Tempio di Santa Corona, la Chiesa di San Vincenzo, la Chiesa di San Rocco, Palazzo leoni Montanari, Palazzo Porto, Palazzo Ca’ d’Oro, Palazzo Valmarana e tutte le ville palladiane. Vicenza è una delle città italiane più importanti per quello che concerne il settore orafo.
In tutte le città più importanti del Veneto Romolini Immobiliari offre una vasta gamma di ville di lusso, appartamenti di prestigio, chalet, immobili di lusso, appartamenti in stile neoclassico, casali, ville venete, castelli, agriturismi, ville signorili, aziende agricole, ville palladiane olivicole e vitivinicole, palazzi, residenze con vigneto, casolari, case di lusso, ville palladiane, hotel e case coloniche.

DALL’ADRIATICO ALLE ALPI ATTRAVERSO INCANTEVOLI LOCALITA’

Il Veneto si affaccia sul Mar Adriatico ed è caratterizzato da splendide località balneari che durante l’estate diventano ambita meta turistica. Il litorale presenta spiagge larghe e sabbiose ed è ideale soprattutto per le famiglie. Tra i luoghi più belli spiccano Bibione, Caorle, Chioggia (dove si trova tra l’altro la bella Cattedrale di Santa Maria Assunta), Eraclea Mare, Jesolo, Marina di Venezia, l’Isola Albarella e Rosolina.
Di notevole importanza sotto il profilo paesaggistico e turistico sono ovviamente le località di montagna che si trovano nel complesso dolomitico (dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO). Tra queste spicca la magnifica Cortina d’Ampezzo, considerata a ragion veduta la “regina delle Dolomiti”. Doveroso mettere in risalto anche Falcade, San Vito di Cadore, Misurina (con l’omonimo lago), Comelico. Le vette più famose del Veneto sono la Marmolada, le Tre Cime di Lavaredo, l’Alpe del Nevegal, il Monte Civetta, le Pale di San Martino eil gruppo delle Tofane. Tra i luoghi più caratteristici anche l’Altipiano di Asiago con le località di Asiago, Conco, Enego, Foza, Gallio, Lusiana, Roana e Rotzo.
Il cuore della regione è la Pedemontana Veneta che comprende le colline veronesi (Valpolicella, Val d'Illasi, Soave, Monti Lessini), la zona di Vicenza (Colli Berici, Valle dell'Agno, Valle del Chiampo, Schio, Val Leogra, Thiene, Valle dell'Astico e Valle del Posina), la vallata del Brenta (Bassano del Grappa e Marostica), la terra Trevigiana (Asolo, Monte Grappa, Montebelluna, Montello, Valdobbiadene, Vittorio Veneto e la sinistra del Piave). Una zona importante per la produzione di vini di alta qualità (dall' Amarone al Prosecco), ma anche per la bellezza dei paesaggi, per la presenza di incantevoli borghi storici, di splendidi castelli e raffinate ville.
Tra le città più belle del Veneto doveroso citare:
- Bassano del Grappa con lo splendido Ponte degli Alpini, il Castello Superiore, il Duomo di Santa Maria in Colle e Palazzo Pretorio.
- Cittadella con la Rocca di Porta Bassano, la Torre di Malta e le mura medievali.
- Marostica con le antiche mura di cinta, le quattro porte d’accesso, i due straordinari castelli (superiore e inferiore), il Doglione. Marostica è conosciuta come “la città degli scacchi” in quanto ogni due anni ospita una gigantesca partita in cui le pedine sono interpretate da personaggi viventi.
- Abano Terme, Arquà Petrarca, Asolo, Bussolengo, Conegliano, Castelfranco Veneto, Este, Feltre, Fiesso d’Artico, Legnago, Monselice, Montagnana, Noale, Portogruaro, Soave, Valeggio sul Mincio, Villafranca, Vittorio Veneto.
IL LAGO DI GARDA E LA STRAORDINARIA RIVIERA DEGLI ULIVI
v E’ il lago più grande d’Italia, è di origine glaciale e bagna tre differenti regioni: Lombardia, Trentino Alto-Adige e Veneto. Il Lago di Garda è metà di tantissimi turisti ed è particolarmente amato dagli appassionati di sport nautici e velici. Nella sponda orientale del Lago, quello veneto quindi, si trova la famosa "Riviera degli Ulivi". Le più note località di questa favolosa zona sono Peschiera, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Brenzone e Malcesine. Eccole in rapida successione:
- Bardolino. Conserva la conformazione a pettine e le architetture tipiche dei villaggi di pescatori. I luoghi di maggiore interesse sono i resti delle mura scaligere (con le massicce torri), le tracce dell'antico castello, gli eleganti palazzi, le caratteristiche viuzze del centro storico e le Chiese di San Severo e di San Zeno. La fama di Bardolino è legata all’omonimo vino DOC.
- Brenzone. Famosa per la produzione di ottimo olio extravergine d'oliva DOP.
- Garda. Caratterizzato da eleganti palazzi in stile veneziano, da splendide spiagge e da incantevoli vicoli. L’omonimo golfo è chiuso a nord dal Monte Luppia (che forma l'incantevole Punta San Vigilio) e a sud dal Colle della Rocca. Da visitare la Chiesa di San Vigilio, Villa Brenzoni Guarienti (costruita nella prima metà del cinquecento), Villa Albertini e la Pieve con l'antico chiostro. Ogni ferragosto le acque del lago ospitano il Palio delle Contrade (chiamato anche gara delle "bisse"), pittoresca competizione tra barche a remi.
- Lazise. Località di origine antica, dominata dalla suggestiva Rocca Scaligera e interamente circondata da un anello di mura turrite che racchiudono il centro storico. Tra gli angoli più belli di questo borgo anche i vicoli medievali, la celebre Dogana Veneta risalente alla dominazione della Serenissima, la Chiesa di San Niccolò (impreziosita all’interno da splendidi affreschi trecenteschi e all’esterno dall’edicola che espone un’antica Madonna del duecento) e i relitti di navi che giacciono sul fondo del lago proprio nella zona vicina al porto. A breve distanza dal paese si trova il parco divertimenti di Gardaland, uno dei più famosi e frequentati.
- Malcesine. Luogo simbolo è il castello scaligero che svetta dallo sperone roccioso. All’interno del castello sono state tra l’altro allestiti musei di pesca, di storia naturale e quello dedicato a Goethe. Ricchi di fascino i vicoli medievali, il lungolago, Palazzo dei Capitani, Pieve Santo Stefano, la Chiesa di Santa Maria di Navene. Doveroso mettere in risalto la funivia che collega il paese al Monte Baldo.
- Torri del Benaco. Si trova ai piedi del Monte Baldo ed è dominata dal Castello Scaligero (che ospita al suo interno il Museo Etnografico). Da visitare anche la Torre dell’Orologio e la Chiesa di San Marco.
- Peschiera. Località rinomata sotto il profilo turistico e conosciuta a livello storico per aver fatto parte nel corso del Risorgimento del famoso “quadrilatero” assieme a Mantova, Legnago e Verona. Caratterizzata dall’imponente cinta muraria a forma pentagonale. Tra le bellezze della città meritano di essere messe in risalto il Santuario della Madonna del Frassino, la Chiesa di San Martino, la storica fortezza, gli scavi romani. Nei canali intorno alle mura di Peschiera nel mese di agosto si svolge il Palio delle Mura, tradizionale gara di voga alla veneta.
Attraverso Romolini Immobiliari si possono acquistare o vendere ville di lusso, appartamenti di prestigio, chalet, immobili di lusso, appartamenti in stile neoclassico, casali, ville venete, castelli, agriturismi, ville signorili, aziende agricole, olivicole e vitivinicole, hotel, palazzi, residenze con vigneto, casolari, case di lusso e case coloniche in tutte le località più belli del Veneto.

IL VENETO E I SUOI PREGIATI VINI: ECCELLENZA NEL MONDO

Il Veneto è il primo produttore di vino in Italia. La superficie dedicata alla coltivazione della vite è di oltre 75.000 ettari (il 60% in pianura, il 40% in collina). I vini prodotti in questa regione (Soave, Amarone, Recioto, Prosecco, Valpolicella e Bardolino) sono famosi in tutto il mondo. Il successo è determinato dalle tante uve autoctone (Garganega, Trebbiano di Soave e Prosecco sono fra le principali uve con cui si producono vini bianchi, mentre Corvina, Rondinella, Molinara e Raboso sono quelle maggiormente usate nella produzione dei vini rossi). Il Veneto è regione variegata e questo rappresenta ovviamente un valore aggiunto per il settore. Numerosi e qualitativamente di livello i vini prodotti nelle varie aree geografiche.
Vitigni a bacca nera: Ancellotta, Berzamino, Berzemino, Cabernet italiano, Cabernet nostrano, Carmènere, Casetta, Cavrara, Corbina, Corbinella, Corvina, Corvinone, Cruina, Dindarella, Franconia, Friularo, Gosen, Gruaja, Incrocio Manzoni, Lancellotta, Manzoni moscato, Manzoni rosso, Molinara, Negrara, Oseleta, Pavana, pinot noir, Raboso Piave, Raboso Veronese, Rebo, Recantina, Refosco, Rondinella, Rossanella, Rossano, Rossetta, Rossignola, Schiava, Sennen, Shiraz, Tai rosso, Tocai Rosso, Turchetta, Wildbacher.
Vitigni a bacca bianca: Bianchetta Trevigiana, Boschera, Durello, Friulano, Garganega, Garganego, Glera, Glera, Glera lunga, Goldtraminer, Greco, Incrocio Manzoni, Malvasia Bianca Lunga, Manzoni Bianco, Marzemina, Marzemina bianca, Moscato Giallo, Oro, Pedevenda, Perera, Pinella, Pinella bianca, Pinello, Pinot blanc, Procanico, Prosecco, Riesling, Sauvignon blanc, Serprino, Tai, Trebbiano di Lugana, Trebbiano di Soave, Turbiana, Ugni blanc, Veltliner, Verdiso, Verduzzo trevigiano, Vespaiola, Vespaiolo. Vitigni a bacca rosa: Incrocio Manzoni, Manzoni rosa.
Vitigni a bacca bianca, grigia o nera: Pinot.
Questi i vini DOCG del Veneto:
- Amarone della Valpolicella (classico e Valpantena). Prodotto esclusivamente nella Valpolicella (provincia di Verona) con uve appassite che dopo la vinificazione consentono di ottenere un vino potente e concentrato. Colore rosso carico, odore accentuato, sapore pieno, vellutato e caldo.
- Bagnoli Friularo (classico, passito, riserva). Prodotto in provincia di Padova. Colore rosso rubino (e granato all’invecchiamento), odore intenso e caratteristico, sapore asciutto, pieno ed intenso.
- Bardolino Superiore e Superiore Classico. Tipico della provincia di Verona. Colore rosso rubino, sapore asciutto e armonico.
- Colli Asolani (prosecco, frizzante, spumante). Prodotto nella provincia di Treviso. Colore giallo paglierino e odore fruttato che varia ovviamente a seconda della tipologia (da brut ad amabile).
- Colli di Conegliano (bianco, Refrontolo, rosso, Torchiato di Fregona).
- Colli Euganei (Fior d’Arancio, passito e spumante).
- Lison. Prodotto nelle province di Venezia e Treviso.
- Montello e Colli Asolani (prosecco e rosso).
- Piave Malanotte. Prodotto nelle province di Treviso e Venezia attorno al basso corso del Piave.
- Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene (frizzante, tranquillo e spumante). Prodotto esclusivamente nella provincia di Treviso ed in particolare nella zona compresa tra Vittorio Veneto e Valdobbiadene.
- Recioto della Valpolicella (classico e Valpantena). Prodotto esclusivamente nella Valpolicella, in provincia di Verona. Colore rosso granato, odore accentuato, sapore pieno, vellutato, caldo, amabile e delicato.
- Recioto di Gambellara. Prodotto ad ovest della provincia di Vicenza (classico e spumante). Colore da paglierino a giallo dorato, profumo di frutta matura, sapore armonico e amabile.
- Recioto di Soave (classico e spumante). Prodotto nella provincia di Verona. Colore giallo dorato, odore intenso e fruttato, sapore vellutato e armonico.
- Soave superiore. Prodotto nella provincia di Verona. Colore giallo paglierino, profumo intenso e delicato, sapore asciutto e armonico.
Questi i vini DOC del Veneto:
Arcole, Bagnoli di Sopra, Bardolino, Bianco di Custoza, Breganze, Colli Berici, Colli Euganei, Gambellara, Garda, Lessini Durello, Lison-Pramaggiore, Lugana, Merlara, Monte Lessini, Montello e Colli Asolani, Piave, Prosecco, Riviera del Brenta, San Martino della Battaglia, Soave, Valdadige, Valpolicella, Venezia, Verduzzo, Vicenza e Vigneti della Serenissima.
Il Veneto è famoso anche per la produzione di grappa. I vitigni da cui più comunemente derivano le vinacce da sottoporre a distillazione sono Pinot, Chardonnay, Prosecco, Verduzzo, Tocai, Merlot, Cabernet, Raboso, Friularo, Moscato, Cruvajo, Tocai rosso, Vespaiolo, Sauvignon, Riesling. Le zone interessate comprendono la fascia collinare delle provincie di Verona, Vicenza e Treviso.
Per esaltare ulteriormente le eccellenze del territorio e le peculiarità del settore vitivinicolo (produzione, lavorazione e degustazione) sono state istituite le cosiddette “Strade del vino”. Le cantine aprono le porte ai turisti che hanno quindi la possibilità di gustare le prelibatezze enogastronomiche e ovviamente i vini più pregiati. Tra queste spiccano la Strada del Vino Bardolino.
Attraverso Romolini Immobiliari si possono acquistare ville di lusso, casali, castelli, agriturismi, ville signorili, aziende agricole, ville venete, olivicole e vitivinicole, residenze con vigneto, casolari, case coloniche in tutte le località più importanti del Veneto per quello che concerne il settore vitivinicolo.

I PIATTI TIPICI DELLA CUCINA VENETA: TANTI PIATTI DA GUSTARE

La cucina veneta offre una straordinaria varietà di prelibatezze. Piatti a base di carne e formaggi nelle zone montane, ortaggi, carni suine e ovine in pianura, pesce nelle zone costiere, nei laghi, nelle campagne ricche di canali e risaie. Ecco alcune specialità tipiche:
- risi e bisi (risotto con i piselli);
- capesante alla veneta;
- patè di fegato;
- i bigoli (spaghetti grossi e ruvidi);
- polenta, lasagne, pasta e fagioli;
- risotto al nero di seppia, all’isolana, con il tastasal, con le rane, con i saltarei, all’amarone, con i fegatini, alla trevigiana;
- bollito misto. Lesso (carne di manzo, maiale e gallina), lingua di vitello e cotechino;
- radicchio e fagioli;
- pearà. Salsa veronese fatta con brodo, pane grattugiato, midollo di bue e pepe da accompagnare a bollito.
- sardee in saor. Sarde fritte che vengono lasciate macerare in una salsa composta di aceto e cipolle, uvetta, pinoli e zucchero;
- pastin. Carne di suino tritata;
- fegato alla veneziana. Fegato di vitello tagliato a fettine, cotto su un fondo di olio, burro e cipolla tagliata e cosparso da prezzemolo tritato;
- pastisada de caval. Brasato di cavallo con cipolla e spezie cucinato nel vino rosso;
- baccalà alla vicentina. Stoccafisso lasciato in ammollo e poi pestato, infarinato e cotto a fuoco lento con latte e olio di oliva in uguali quantità;
- figassa (torta di fichi);
- smegiassa (con uvetta);
- prodotti di pasticceria legati a Sant’Antonio di Padova (pane e dolce del Santo, Amarettoni e Merletti).
- dolci natalizi quali pandoro, mandorlato, meringhe, torroncini;
- crema fritta;
- pinza;
- castagnole.
Tra i prodotti tipici più importanti figura certamente l’Olio Extravergine d’Oliva Veneto DOP che si distingue in tre differenti sottodenominazioni a seconda della zona di produzione e delle olive impiegate: Veneto Valpolicella, Veneto Euganei e Berici, Veneto del Grappa. Tra le eccellenze della regione doveroso citare anche l’olio extravergine d'oliva DOP di Brenzone, il miele, la Ciliegia di Marostica, il radicchio rosso di Treviso, gli asparagi di Bassano, le anguille, il prosciutto euganeo, i numerosi tipi di formaggio (Asiago, Provolone, Taleggio, Grana Padano) e il tartufo nero (dei Monti Berici e della Montagna Veronese).

FESTE E TRADIZIONI IN VENETO: DAL CINEMA AGLI SCACCHI

Il Veneto è caratterizzato dalla presenza di numerose manifestazioni e feste di importante valore culturale e storico che mettono in risalto le tradizioni ed i costumi di una regione ricca di fascino e di avvenimenti di grande richiamo. Ecco le più conosciute.
- Festa del Popolo Veneto. Si tiene il 25 marzo, giorno della fondazione di Venezia, al fine di valorizzare la storia, il patrimonio linguistico, la cultura e tutte le peculiarità della regione.
- Festival Cinematografico di Venezia. Si svolge di solito tra la fine di agosto e l’inizio di settembre. Il premio principale assegnato al termine del prestigioso festival è il Leone d’Oro (nome che deriva dal simbolo della città, riconoscimento tra i più ambiti nel mondo del cinema). La prima edizione si tenne nel lontano 1932 ed è per questo considerato il festival cinematografico più vecchio del mondo (la consegna degli Oscar risale al 1929, ma è una cerimonia e non un autentico festival). La Mostra Internazionale di Arte Cinematografica si inquadra nel più vasto scenario della Biennale di Venezia, evento culturale che include anche l’Esposizione Internazionale d'Arte Contemporanea. - Carnevale di Venezia. Festa di antichissima tradizione caratterizzata da spettacoli di vario tipo (nei teatri e all'aperto) nei sei giorni che vanno dal giovedì grasso al martedì successivo. E’ tra i carnevali più famosi del mondo.
- Festa del Redentore. Si svolge a Venezia la terza domenica di luglio. Consiste nella processione alla Chiesa del Redentore, costruita come voto cittadino per la fine della peste del 1575-1756.
- Madonna della Salute. Si celebra il 21 novembre a ricordo della fine della lunga pestilenza che decimò la popolazione veneziana fra il 1630 e il 1631.
- Regata delle Antiche Repubbliche Marinare. Si svolge tra la fine di maggio e l'inizio di luglio ed è ospitata a rotazione da Amalfi, Pisa, Genova e Venezia.
- Festa della Sensa. Si svolge a Venezia a partire dall'anno 1000 nel giorno dell'Ascensione. Prevede una serie di manifestazioni, fra le quali un corteo storico di barche di fronte alla Chiesa di San Nicolò del Lido di Venezia. In questa occasione si celebra la cerimonia dello Sposalizio del Mare.
- Festa di Sant'Antonio da Padova. Processione che si svolge il 13 giugno.
- Brusa vecia. Si svolge la sera dell'Epifania e prevede l'incendio di un fantoccio raffigurante la Befana.
- Festa del Panevin. Si svolge nei giorni vicini all'Epifania e prevede l’accensione di falò attorno ai quali ci si trova per gustare pinza (dolce veneto) e vin brulé. La sua origine è antichissima.
- Regata Storica. Si svolge la prima domenica di settembre a Venezia e coinvolge la cittadinanza in una gara di voga alla veneta accompagnata da sfilate in barche storiche. - Partita a scacchi di Marostica. Si svolge nella piazza sotto il castello di Marostica, luogo che ricorda una scacchiera. Rievoca una partita che, secondo la tradizione odierna, si sarebbe svolta verso l'anno 1454 tra due nobili giovani.
- Carnevale Veronese. Risale al 1531 ed è uno dei più antichi d'Italia. Uno degli episodi più importanti legati al carnevale riguarda la leggenda secondo cui il nobile Da Vico per sostenere la popolazione colpita ad una carestia lasciò un'ingente somma affinché ogni anno, nel venerdì grasso, venissero distribuiti agli abitanti di San Zeno gnocchi e vino. In ricordo dell'episodio nacque Papà de' gnoco, la figura che guida la sfilata delle maschere cittadine, un re panciuto e barbuto che, invece dello scettro tiene un'immensa forchetta con in cima un grosso gnocco. Momento cruciale è la sfilata del Venerdì Gnocolar quando una sessantina di carri allegorici e settemila figuranti partecipano al corteo che attraversa il centro storico.
- Festival shakespeariano. Si svolge ogni estate a Verona presso il famoso Teatro Romano ed in Europa è per importanza secondo solo a quello di Stratford on Avon. Celebra il mito di Romeo e Giulietta ed è la rassegna più significativa tra tutte quelle che ripercorrono la drammatica storia tra i due innamorati più conosciuti al mondo. Tra le iniziative più importanti in questo senso è doveroso ricordare anche “Romeo e Giulietta una storia d’amore” rassegna estiva che si svolge presso il cortile e il balcone di Giulietta in cui le più belle scene del dramma vengono recitate in italiano e in inglese.
- Festa di Santa Lucia. Si svolge a Verona nella notte tra il 12 e il 13 dicembre quando secondo tradizione la Santa, aiutata dal Gastaldo che conduce l'asinello, porta i doni ai bambini.
- Rassegna Internazionale dei Presepi. Si svolge durante le festività natalizie nell’arena di Verona. La mostra ospita ogni anno centinaia di splendidi esemplari provenienti da musei internazionali e collezioni private.
- Palio delle Contrade. Si svolge nelle acque del Lago di Garda a Ferragosto, è chiamato gara delle "bisse" ed è una pittoresca competizione tra barche a remi.
- Palio delle Mura. Tradizionale gara di voga alla veneta che si svolge in agosto nei canali intorno alle mura di Peschiera del Garda.
- Veneto Jazz Fastival. Importante rassegna di jazz.
- Palio di Noale. Rievocazione storica del Palio disputato nel 1347 sotto la Signoria dei Tempesta. La festa medievale dura tre giorni, si svolge a fine giugno e vive il suo momento topico con una corsa pedestre tra i rappresentanti delle sette contrade della città.
- “Lazise notte classica” (importante manifestazione musicale).
- Fiera dell’oro a Vicenza.


Con Romolini Immobiliari si possono acquistare ville di lusso, appartamenti di prestigio, chalet, immobili di lusso, appartamenti in stile neoclassico, casali, castelli, agriturismi, ville signorili, aziende agricole, olivicole e vitivinicole, palazzi, residenze con vigneto, casolari, ville venete, hotel, case di lusso e case coloniche, ville palladiane, in tutte le località più belli del Veneto.

 

 

Per un contatto diretto Tel. +39 0575788948 - e-mail: info@romolini.com

Immobili 1 - 1 di 1
VILLA DEL 1700 IN VENDITA A VENEZIA
Rif. 832

"VILLA RIVIERA DEL BRENTA"

VILLA DEL 1700 IN VENDITA A VENEZIA

  • Posizione: Aperta e soleggiata.
  • Condizioni: Abitabile.
  • Superficie: 1000 mq
  • Camere: 8
  • Terreno: 7000 mq
  • Piscina: no

FIESSO D’ARTICO - VENEZIA - VENETO

In posizione aperta e soleggiata, a pochi passi dal centro storico e ad appena mezz’ora di auto da Venezia, villa del 1700 con limonaia e parco privato. La villa ha pianta rettangolare ed è disposta su tre livelli. La proprietà dispone di otto camere e sette bagni. La villa è completata da 7000 mq di giardino circostante.

 
EUR 2.900.000,00
Immobili 1 - 1 di 1
Facebook - RomoliniImmobilidiPrestigio Youtube - Romolinimmobiliare Blogspot immobilidiprestigio-villelusso-casali Twitter PropertiesItaly
 
   
© AGENZIA ROMOLINI IMMOBILIARE S.r.l.
Via Trieste n. 10/c, 52031 Anghiari (AR) Italy
Tel: +39 0575 788948
Fax +39 0575 786928

Mail: info@romolini.com

  Legal notice | Privacy policy | Policy cookies | Links | Site map