Aggiungi alla Whislist

PROPRIETà AGGIUNTA ALLA WHISHLIST

Ricordate di effettuare il login per evitare di perdere i dati non salvati.

Email
Contatta Romolini Immobiliare

ANTICO MONASTERO, COUNTRY HOTEL IN VENDITA IN UMBRIA, ITALIA


Rif. 1401

Todi - Perugia - Umbria

Prezzo: 3.900.000 Euro

FOTO INTERNE (36) FOTO ESTERNE (48) ALBUM FOTOGRAFICO FULL SCREEN VIDEO COMPLETO

Rif. 1401 - CONVENTO UMBRIA

Umbria - Perugia - Todi

3.900.000 Euro

  • Interni: 914 mq
  • Esterni: 8 ha
  • N° camere: 18
  • N° bagni: 15

DETTAGLI TECNICI

  • TIPOLOGIA: ex convento
  • CONDIZIONE: ristrutturato
  • POSIZIONE: collinare, panoramica
  • ACCESSO: strada bianca
  • SUPERFICIE ESTERNI: 8 ha
  • GIARDINO: sì, perfettamente curato
  • PISCINA: sì, piscina esterna
  • SUPERFICIE INTERNI: 914 metri quadrati
  • N° CAMERE: 18
  • N° BAGNI: 15
  • ANNESSI:
  • ACQUA: rete idrica comunale
  • ADSL: si
  • RISCALDAMENTO: autonomo
  • GAS: GPL

CARATTERISTICHE: soffitti a volta, soffitti con travi in legno e pianelle in terracotta, affreschi, camino, chiostro, cortili, balconi, terrazze, sistema di allarme


ANTICO MONASTERO, COUNTRY HOTEL IN VENDITA IN UMBRIA, ITALIA


POSIZIONE GEOGRAFICA

In Umbria, in provincia di Perugia, a soli 2,5 km dal centro storico di una splendida cittadina medievale, ex convento francescano con chiesa, terreno e piscina in vendita.  
Il convento è situato in posizione collinare e panoramica, è ben esposto al sole e gode di ottima privacy.  
È possibile accedere alla proprietà da due ingressi separati, che conducono ad un’area parcheggio e ad un’altra ampia area di sosta.
L’aeroporto di Perugia Sant’Egidio dista circa quaranta minuti, mentre l’aeroporto di Roma Ciampino e l’aeroporto di Roma Fiumicino sono raggiungibili in circa un’ora e quaranta.

 

 

DESCRIZIONE DEI FABBRICATI

Il convento è composto di vari fabbricati, tutti collegati tra di loro ma separabili mediante numerose porte. In particolare, abbiamo una villa padronale, una seconda villa e una sezione interamente dedicata all’attività ricettiva, suddivisa in tre appartamenti indipendenti.

 

La villa padronale si sviluppa su cinque livelli.

- Piano sottostrada: vani cantina;

- Piano terra: corridoio lungo, studio con bagno, ampio soggiorno con camino e affreschi (ex refettorio) – che dà su un terrazzo panoramico – elegante sala da pranzo, cucina e stanza di servizio adiacente, lavanderia, una terrazza coperta collegata alla dispensa;

- Primo piano: disimpegno, due camere da letto, bagno e biblioteca;

- Piano secondo: camera con bagno en suite e terrazza, due camere con balcone e bagno in comune, due camere da letto, bagno e soggiorno con balcone.

- Piano terzo: camera con terrazza.

 

La seconda villa è disposta su tre livelli ed è composta come segue.

- Piano sottostrada: salone e deposito;

- Piano terra: sfarzoso soggiorno/sala da pranzo con camino, due confortevoli camere doppie, due bagni, cucina con camino, ampio salone, area parco privata;

- Primo piano: ampia camera da letto, bagno, balcone, studio.

 

I tre appartamenti, destinati all’attività turistico-ricettiva, si affacciano sul giardino terrazzato e hanno ingresso indipendente.

- Appartamento N°1: doppio accesso, cucina, soggiorno open plan, bagno, due camere da letto e terrazza.  

- Appartamento N°2: cucina open space, ampio soggiorno con camino, due camere da letto e bagno.

- Appartamento N°3: ampio soggiorno, cucina, due camere da letto, bagno e balcone.

 

La splendida chiesa vanta un coro originale, funzionante e restaurato.

 

Oltre ad un garage, locali caldaia e legnaia, al piano sottostrada si trova l’appartamento del custode, accessibile dal lato frontale, con cucina, studio con bagno, camera con bagno.

 

 

STORIA DELLA PROPRIETÀ

Il convento in esame è parte di una serie di opere sorti tra il X e l’XI secolo lungo il Tevere. I santuari dedicati ai santi erano spesso parte fondamentale dei percorsi di pellegrinaggio principali, come ad esempio quello verso Santiago de Compostela o più semplicemente Roma.

La zona era già abitata al tempo dei romani, come testimoniano i resti di un tempio e il ritrovamento di diverse staute bronzee e capitelli. Nel medioevo si assistette alla nascita dei numerosi complessi monastici, che nel X secolo erano raccolti attorno ai beni abbaziali di San Leucio.

L’11 ottobe 1051 il papa Leone IX confermava a San Leucio omnia in civitate vel foris monasterium pertinentia (tutti i beni in città e fuori appartenenti al monastero) e confermava il diritto di scegliere l’abate a prescindere dal beneplacito del papa.

L’abbazia aveva potestas et imperium su una serie di conventi dipendenti e il 20 marzo 1145 papa Eugenio III confermò la apostolica protectione all’abbazia. Nel 1177 fu l’imperatore tedesco Federico I Barbarossa a concedere un privilegio analogo all’abbazia (in un tentativo di affermare il proprio potere di investitura sui feudi dell’Italia).

Con la bolla del 13 ottobre 1207 emanata da Innocenzo III, la protezione apostolica venne riconfermata e per la prima volta si ha menzione del monastero oggetto di questo annuncio tramite il suo rettore Egidius di S.J. de Cuti.

Il monastero faceva parte della congregazione benedettina premostratense che governava San Leucio, una delle abbazie a capo delle sette “circarie” in cui San Norberto aveva diviso l’Italia dopo il 1120.

Il 3 gennaio 1236 il vescovo Bonifacio donava alla Chiesa di Roma un locum qui dicitur Mons Mascaranum situm prope Tudertum (luogo chiamato Monte Mascarano situato presso Todi) per la costruzione di un monastero di proprietà delle Clarisse francescane (Convento di Montesanto).

Gli eventi drammatici del Trecento, tra cui guerre e la grande Morte Nera del 1348, costrinsero le monache ad abbandonare i monasteri e a rifugiarsi in città.

Nel 1355 il convento di S.G. fu usato come rifugio da uno sparuto gruppo di monaci cistercensi. Nel 1404 Nicolò Offreduzzi ristrutturò il complesso e lo riconsegnò ai Frati dell’Osservanza.

Da quel momento il monastero godette di frequenti donazioni (sia volontarie che ereditarie) che permisero la fioritura del complesso.

Nel 1448, durante una predicazione, si lamentò come il monastero non fosse più locum sanum (luogo sicuro) per l’alto numero di monaci residenti che aumentavano ovviamente la quantità di lavori necessari per mantenere in sicurezza il luogo. Si chiedeva quindi l’asegnazione del vicino monastero di Montesanto (abbandonato e parzialmente in rovina).

Nel 1810 il monastero venne espropriato a seguito delle leggi napoleoniche e l’edificio venne razziato e distrutto dale truppe francesi. La chiesa venne restaurata a fundamentis solo nel 1848.

L’ultimo e definitivo esproprio ebbe luogo nel 1860 a seguito dell’annessione dell’Umbria al Regno d’Italia e dal quel momento il convento rimase inutilizzato per oltre sessant’anni per essere poi acquistato da un privato che vi fece condurre imponenti lavori di recupero e ristrutturazione.

 

 

STATO E FINITURE

La proprietà è stata ristrutturata alcuni anni fa, è in ottime condizioni e il tetto è nuovo. Il convento, che combina il fascino dell’antico con le comodità più moderne, è caratterizzato da ambienti bellissimi, soffitti a volta, soffitti con travi in legno e pianelle in terracotta, affreschi, un chiostro interno, cortili, bagni moderni e luminosi, numerosi balconi e terrazze. Il camino principale, gli affreschi e la meridiana sono originali.

 

 

SPAZI ESTERNI

Tutti gli 8 ettari di terreno sono delimitati da un muro perfettamente ristrutturato.
La proprietà dispone di uno splendido chiostro interno, un giardino terrazzato panoramico, un pozzo, orto, oliveto e una piscina non molto grande, ma esiste la possibilità di costruirne un’altra a sfioro.

 

 

UTILIZZO E POTENZIALITÀ

Al momento, tre appartamenti e una villa vengono affittati, mentre la villa principale è abitata dagli attuali proprietari. Grazie alle sue dimensioni e alla sua suddivisione interna, la proprietà può essere adibita a residenza principale di prestigio, seconda casa e struttura turistico-ricettiva, inoltre è possibile ospitare amici e parenti.


CITTA' VICINE


Centro più vicino (2,5km; 5’); Deruta (27km; 25’); Marsciano (29km; 32’); Orvieto (35km; 44’); Foligno (40km; 54’); Perugia (46km; 41’); Spoleto (47km; 50’); Assisi (58km; 52’); Castiglione del Lago (68km; 1h11’); Montepulciano (93km; 1h27’); Roma (135km; 1h45’)


AEROPORTI VICINI


Perugia Sant’Egidio (46km; 39’); Roma Ciampino (148km; 1h39’); Roma Fiumicino (165km; 1h49’); Firenze Peretola (202km; 2h10’)


POSIZIONE GEOGRAFICA


Siete interessati a questa proprietà?


CONTATTATECI PER RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI E/O FISSARE UNA VISITA

Rif. 1401 / CONVENTO UMBRIA

ANTICO MONASTERO, COUNTRY HOTEL IN VENDITA IN UMBRIA, ITALIA

Todi - Perugia - Umbria

Prezzo: 3.900.000 Euro

Messaggio inviato con successo!


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per ricevere in tempo reale tutte le nuove proposte di Romolini Immobiliare.